Pasta lievitata salata, per torte rustiche

La Pasta lievitata salata è la base per molte torte rustiche e stuzzichini monoporzione. Da utilizzare al posto della pasta sfoglia o della pasta briseè, rimane sottile e ben lavorabile.

Dal gusto neutro, è perfetta per esaltare il gusto dei ripieni.

Pasta lievitata salata, per torte rustiche, senza burro

Ingredienti:

  • 350 gr di farina “0”
  • 150 ml di acqua
  • 10 gr di lievito di birra fresco (oppure 70 gr di lievito madre)
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino sale
  • un pizzico di zucchero
  • 50 ml di latte
Pasta lievitata salata
Pasta lievitata salata

Preparazione della pasta lievitata salata:

lievito madre

  1. Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida con il pizzico di zucchero, per il lievito madre aiutatevi con una forchetta.
  2. Setacciate bene la farina e disponetela a fontana su un piano di lavoro, versate l’acqua con il lievito e il latte. Iniziate ad amalgamare aggiungendo l’olio extravergine poi, per ultimo, unite anche il sale.
  3. Lavorate il composto per almeno cinque minuti, fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea.
  4. Mettete l’impasto in una ciotola, coprite con un panno umido o film trasparente e riponete a lievitare per almeno due ore, fino a che non avrà raddoppiato il suo volume.
  5. Riprendetela, lavoratela per qualche istante e stendetela per utilizzarla nelle vostre preparazioni, dalle torte alle brioche salate, oppure come base per le focacce ripiene.
  6. Procedete con la seconda lievitazione prima di cuocerla in forno a 200 gradi.

Volete rimanere aggiornati sulle ricette del blog?
Iscrivetevi alla newsletter e
diventate fan della mia pagina facebook “Oltre le Marche”

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Crumble di mele al cocco, dolci veloci Successivo Pasta con funghi pioppini

5 commenti su “Pasta lievitata salata, per torte rustiche

  1. Noemi il said:

    Ciao, volevo chiederti un paio di chiarimenti. Premesso che userei il lievito madre, prima della seconda lievitazione dici che va stesa, ma se volessi fare una torta salata la devo anche farcire e poi procedere con la lievitazione oppure per esempio la stendo in una teglia, la faccio lievitare per la seconda volta, la farcisco e la faccio cuocere? Per i tempi di lievitazione tengo sempre presente il raddoppio dell’impasto? Grazie per la bella idea!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.