Ricciola all’acqua pazza

Preparare la ricciola all’acqua pazza è semplice e veloce. Questo piatto è l’ideale se si vuole portare in tavola un secondo di pesce genuino, che piacerà a tutti.

La cottura all’acqua pazza si abbina bene ad ogni pesce di piccola taglia, in questo caso ho utilizzato delle ricciole, ma andranno bene anche branzini, orate e piccoli merluzzi.

Vediamo subito la ricetta!

ricciola all'acqua pazza
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 2 Ricciole piccole
  • 150 g Pomodorini datterini
  • 2 spicchi Aglio
  • 1/2 bicchiere Vino bianco secco
  • q.b. Sale
  • q.b. Prezzemolo
  • 2 cucchiai Olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Tagliamo i pomodorini in quattro parti e spadelliamoli in due cucchiai di olio extravergine di oliva con gli spicchi d’aglio leggermente schiacciati.

    Quando si saranno leggermente ammorbiditi, sfumiamo con il vino bianco, lasciando restringere a fiamma vivace per un paio di minuti.

  2. Aggiustiamo di sale e aggiungiamo le ricciole – precedentemente eviscerate e lavate – in padella. Abbassiamo la fiamma, copriamo con un coperchio e lasciamo cuocere per circa 10-15 minuti, in base alla grandezza del pesce.

  3. A fine cottura cospargiamo il pesce con del prezzemolo fresco sminuzzato al coltello.

    La ricciola all’acqua pazza è pronta per essere portata in tavola!

    ricciola all'acqua pazza

Un consiglio in più

Le ricciole all’acqua pazza possono anche essere cotte in forno, con lo stesso procedimento. Copriamo la teglia con un foglio di carta stagnola per evitare che il fondo di cottura si asciughi troppo.

Passate a trovarmi su facebook, pinterest e instagram, vi aspetto!

Precedente Arancini alla norma Successivo Pan di spagna - ricetta base

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.