Ravioli di Timilia con ripieno di spinaci e ricotta

I ravioli  o agnolotti ? sembra che la differenza stia  nel ripieno,  di verdura nei primi e di carne nei secondi ,ma sopratutto  dalla regione , mia madre , da cui ho ereditato il tipico attrezzo per la forma , essendo vissuta in Piemonte li chiamava agnolotti , ma effettivamente nel ripieno metteva la carne   !

Qui sono realizzati con la farina di Timilia e con un ripieno più adatto a questo periodo.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    4 persone

Ingredienti

per la sfoglia

  • farina di timilia 400 g
  • Uova 4

per il ripieno

  • Spinaci 400 g
  • Ricotta 200 g
  • Parmigiano reggiano 100 g
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Noce moscata q.b.

Preparazione

  1. Preparate la sfoglia impastando la farina con le uova fino ad ottenere un composto liscio, formate una palla e fate riposare per mezz’ora avvolta da pellicola.

  2. Nel frattempo preparate il ripieno.

    Pulite bene gli spinaci sotto l’acqua corrente, eliminate le foglie più esterne e i gambi.

    Scolateli bene e stufateli per pochi minuti in una padella con il coperchio.

    Una volta cotti fateli scolare bene perchè rilasceranno molta acqua di cottura.

    Quando saranno freddi e ben strizzati tagliateli finemente e versateli in una ciotola con la ricotta, il formaggio , la noce moscata, il sale e il pepe .

    Mescolate bene .

     

  3. Stendete la sfoglia sottilmente e disponetela sull’apposito attrezzo spolverato di farina, riempite ogni quadretto con  il ripieno  , ricoprite con altra sfoglia , ribaltate e pressate leggermente, infine ritagliate con la rotellina i singoli ravioli.

    Se non avete lo stampo per i ravioli potete procedere disponendo la sfoglia su un piano , facendo i mucchietti di ripieno e ripiegando l’altra metà di sfoglia .

    Sigillate bene i bordi e tagliate con la rotella o con un coppa pasta.

     

  4. Cuocete per pochi minuti in acqua bollente salata  , scolate e ripassate in padella con burro e salvia.

Note

Per una ricetta più proteica aggiungete un uovo nel ripieno .

Precedente Clafoutis di fichi Successivo Trancio di salmone gratinato al forno

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.