Crea sito

Maritozzi con lievito madre

I Maritozzi sono panini  dolci sofficissimi tipici di Roma, si farciscono con panna o crema pasticcera . Ottimi a colazione , spolverizzateli con zucchero a velo e se volete unite l’uvetta all’impasto saranno ancora più golosi.

  • Preparazione: 30 minuti + tempo di lievitazione
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 10 maritozzi

Ingredienti

  • 100 g Lievito madre
  • 250 g Farina Manitoba
  • 70 g Zucchero
  • 80 g Burro
  • 1 uovo
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • cucchiaini buccia di limone (grattugiata)
  • 1 pizzico Sale
  • 80 ml Latte

Preparazione

  1. Nella ciotola della planetaria versate il lievito madre spezzettato , il latte leggermente intiepidito e impastate  con il gancio K finché sarà sciolto  .

    Togliete il gancio K  e mettete quello ad uncino,  unite l’ uovo, lo zucchero , la buccia di limone, i semi della bacca di vaniglia e continuate ad impastare  per circa 5 minuti a velocità bassa.

    Aggiungete il burro ammorbidito, poco alla volta, il sale e continuate ad impastare per altri 5 minuti , unite poco per  volta  la farina e continuate  finché  l’impasto sarà incordato , cioè tutto attorno al gancio e la ciotola pulita.

    Lasciate riposare l’impasto nella ciotola  per un ora coperto con la pellicola.

  2. Riprendete l’impasto  tagliatene dei pezzetti di circa 50 grammi e pirlateli ottenendo delle palline che poi modellerete a filoncini.

    Disponeteli  su di una teglia ricoperta da carta forno e metteteli a lievitare, fino al raddoppio , nel forno spento con la luce accesa.

    Ci vorranno  circa 4-5 ore.

     

     

  3. Cuocete in forno caldo a 180 gradi per 12 – 15 minuti.

    Fate raffreddare e incidete la superficie con un coltello ben affilato.

    Farcite con crema pasticcera o panna.

Variante

Per impastare potete procedere anche  a mano.

Potete sostituire il lievito madre con 10 grammi di lievito di birra, chiaramente i tempi saranno più brevi.

Il burro può essere sostituito con 70 ml di olio.

Se volete aggiungere uvetta o gocce di cioccolato all’impasto dovrete farlo dopo l’incordatura.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.