Tiramisù al pistacchio

Oggi un dolce golosissimo, il Tiramisù al pistacchio al quale è veramente difficile resistere, semplice da realizzare e di una bontà unica, sono sicura che conquisterà tutti.

Non lo avevo mai preparato prima d’ora, lo avevo mangiato una sola volta in un ristorante e mi aveva entusiasmato tanto, che ho deciso di farlo… e non ho sbagliato, mio marito lo ha divorato… e io pure!!

La mia ricetta è anche sicura dal punto di vista alimentare, in quanto non ho usato i tuorli crudi, ma pastorizzati.

Vediamo come procedere:

Tiramisù al pistacchio
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:20 minuti
  • Porzioni:8, pirofila da 25×15 cm di diametro
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Tuorli (50-55 g) 3
  • Zucchero 60 g
  • Acqua 20 g
  • Pasta di pistacchi 80 g
  • Mascarpone 250 g
  • Panna fresca liquida 200 g
  • Savoiardi 20-22
  • Granella di pistacchi 25 g
  • Caffè (moke da 2 persone ) 2
  • Latte 1 bicchierino

Preparazione

  1. Per il Tiramisù al pistacchio vi serviranno delle uova tenute a temperatura ambiente (in quanto montano meglio). Rompete le uova e mettete i tuorli in una ciotola resistente al calore.

    Versate l’acqua e lo zucchero semolato in un pentolino. Mettete sul fuoco e fate andare senza mescolare (potete eventualmente scuotere un po’ il pentolino), fino a che lo sciroppo raggiungerà i 121°C (palla morbida).

    Nel frattempo che lo sciroppo va, iniziate a montare i tuorli con le fruste elettriche. Quando lo sciroppo avrà raggiunto la temperatura versatelo a filo sui tuorli, continuando a montare a bassa velocità. Altrimenti rischiate che vi schizzi d’appertutto. Dopodiché continuate montare a velocità alta fino a raffreddamento (più o meno), o finché non avrete ottenuto una massa bella gonfia e chiara. Questa base si chiama Pate à bombe, o base tiramisù con tuorli pastorizzati. Cliccando sul “link marrone” trovere anche il VIDEO di preparazione.

    Ora aggiungete la pasta di pistacchio, la mia ricetta per prepararla in casa la trovate cliccando qui:, e continuate a montare con le fruste a velocità più bassa, finché non si sarà amalgamata al composto, poi unite anche il mascarpone, continuando a montare ancora un po’.

    In un’altra ciotola montate la panna fresca liquida (non troppo ferma), e unitela al composto delicatamente a mano, dal basso verso l’alto. Trasferite la crema al mascarpone e pistacchi in frigo.

    Preparate il caffè nella moka, poi versatelo in un piatto fondo o ciotola e fatelo raffreddare completamente. Unite il latte freddo.

    Ora che tutte le basi sono pronte potete montare il Tiramisù al pistacchio: iniziate con un leggero strato di crema sul fondo (appena sporcare la pirofila), poi uno strato di savoiardi inzuppati nel caffelatte, circa metà della crema restante, ancora savoiardi inzuppati nel caffelatte, e per finire l’ultima dose di crema.

    Mettete il Tiramisù al pistacchio in frigo per almeno due ore. Prima di servirlo distribuite la granella di pistacchio in superficie. Buona degustazione!

    Seguitemi anche sulla mia pagina di Facebook Nonsolodolce di Lorena, grazie mille!

Note

Se non consumate subito il Tiramisù al pistacchio, lo potete conservare in frigo per 2-3 giorni.

Precedente Come fare la pasta di pistacchio in casa Successivo Zucchine sabbiose alle erbe aromatiche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.