Migliaccio

Il Migliaccio è una torta golosa di origine napoletana,  che si prepara principalmente nel periodo di carnevale. Anticamente veniva usato il miglio, da qui il nome Migliaccio. Oggi è stato quasi del tutto sostituito dal semolino, che viene cotto nel latte con una noce di burro, e aromi, dopodiché si aggiungono altri ingredienti come uova, zucchero e ricotta.

Un dolce semplice da preparare, e dal gusto e consistenza unici. Se non lo avete ancora fatto, provatelo durante le feste di carnevale, diventerà uno dei vostri dolci preferiti!

Vediamo la ricetta:

Migliaccio
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    15-20 minuti
  • Cottura:
    60 minuti
  • Porzioni:
    10 tortiera da 24 cm
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Latte 700 g
  • Acqua 300 g
  • Burro 35 g
  • Scorza d’arancia 1
  • Semolino 200 g
  • Sale 1 pizzico
  • Uova 4
  • Zucchero 250 g
  • Estratto di vaniglia qualche goccia
  • Ricotta vaccina 350 g
  • Zucchero a velo q.b.

Preparazione

  1. Migliaccio

    Per il Migliaccio lavate l’arancia (biologica), e con un pelapatate prendete solo la parte arancione della buccia.

    Mettete sul fuoco il latte, l’acqua, il burro e la buccia dell’arancia, possibilmente in una pentola antiaderente o di acciaio con fondo.

    Quando inizia a bollire, togliete la buccia d’arancia, e versate il semolino a pioggia, mescolando di continuo con la frusta. Fate cuocere a fuoco basso per 4-5 minuti. Spegnete e versate il composto in una teglia o terrina, coprite con pellicola a contatto e fate intiepidire.

    In una ciotola rompete le uova, aggiungete lo zucchero semolato, la vaniglia (estratto o semini della bacca) e montate con il frullino elettrico.

    Quando il composto sarà diventato spumoso, incorporate la ricotta. Se usate quella da banco (più consistente), setacciatela prima, se invece usate quella morbida confezionata, non ce bisogno.

    A questo punto unite a cucchiaiate il semolino cotto in precedenza, e continuate a lavorare con il frullino elettrico. Alla fine dovete ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.

    Rivestite con carta forno una tortiera da 24 cm di diametro, per vedere come fare CLICCATE QUI, oppure imburratela e infarinatela.

    Versate il composto, livellatelo e infornate a 200°C (forno statico) per circa un’ora. Se dopo 40-45 minuti la superficie della torta si dovesse colorare troppo, copritela con carta forno.

    Sfornate il vostro Migliaccio, fatelo raffreddare, poi toglietelo dallo stampo, e prima di servirlo spolverizzatelo con dello zucchero a velo.

    Seguitemi anche sulla mia pagina di Facebook Nonsolodolce di Lorena, grazie mille!!

     

Note

Il Migliaccio si conserva per 3-4 in frigorifero.

 

Precedente Pollo alla cacciatora Successivo Frittelle di mele grattugiate

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.