Crea sito

Risotto coi gambi di carciofo e menta.

Il risotto coi gambi di carciofo e menta è un riso sapido ma delicato. E’ un ottimo modo per gustare una parte del carciofo solitamente poco utilizzata. Ovviamente per la preparazione del potete utilizzare anche il capolino, evitate invece di usare le foglie perché sono molto amare.

risotto coi gambi di carciofo e menta
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione50 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
459,84 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 459,84 (Kcal)
  • Carboidrati 73,35 (g) di cui Zuccheri 0,94 (g)
  • Proteine 12,05 (g)
  • Grassi 13,09 (g) di cui saturi 7,05 (g)di cui insaturi 3,90 (g)
  • Fibre 5,35 (g)
  • Sodio 532,31 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 300 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti per il risotto coi gambi di carciofo e menta

Per la preparazione del brodo di cottura potete utilizzare, oltre ai gambi, le foglie più dure dei capolini che in genere vengono scartate.

Per il brodo vegetale

  • 2 lacqua
  • 3 gambicarciofi (e le foglie più dure)
  • 4 gsale grosso (circa un cucchiaino)

per il risotto

  • 320 griso
  • 3 gambicarciofi (quelli usati per preparare il brodo)
  • 10 golio extravergine d’oliva (circa 1 cucchiaio)
  • 1 spicchioaglio

Per la mantecatura

  • 30 gburro (ben freddo)
  • 50 gparmigiano Reggiano DOP
  • 2 fogliementuccia

Strumenti

  • 1 Pentola
  • 1 Pentola di rame
  • 1 Padella

Preparazione del risotto coi gambi di carciofo e menta

  1. Innanzitutto pulite i carciofi.

    Cominciate con eliminare le foglie che sono molto amare e pelate i gambi. Dopo di ché metteteli a mollo in acqua acidulata con del limone. Ora strofinateli con una fetta di limone, in questo modo il colore del carciofo non scurirà.

    Tagliate i capolini dai gambi, staccate le foglie esterne più dure e spuntate la sommità dei capolini di circa due centimetri. Strofinate i capolini con una fetta di limone e teneteli da parte per altre ricette.

    Poi in una pentola capiente mettete i gambi dei carciofi con le foglie esterne più dure e la spuntatura. Aggiungete l’acqua, il sale e fateli bollire per almeno un’ora.

    Scolate il brodo, eliminate le foglie e recuperate i gambi. Tagliateli a rondelle.

  2. Ora in un tegame ponete l’olio con l’aglio e fatelo soffriggere. Poi aggiungere le rondelle di carciofo precotte. Aggiungete un mestolo di brodo, il sale e cuocere 3 minuti. Ora levate l’aglio e tenete da parte.

    Se volete potete frullare il tutto per ottenere una purea.

    Nel frattempo scaldate una casseruola e gettatevi il riso a pioggia per tostarlo qualche istante a fuoco vivace girandolo spesso.

    Sfumate col vino bianco secco rimestando continuamente affinché il riso non si attacchi alla pentola.

    Poi aggiungete un mestolo alla volta il brodo di carciofi avendo cura di aspettare che sia stato ben assorbito prima di aggiungerne dell’altro.

    A metà cottura (dopo circa 8/9 minuti) aggiungete le rondelle di carciofi precedentemente preparate.

    Mescolare di tanto in tanto e sarà cotto in circa 16/18 minuti, secondo la varità e la brillatura del riso.

    Infine spegnete il fuoco e mantecate il riso col formaggio, il burro freddo e le foglioline di menta tritate.

    Coprite con un coperchio per un minuto prima di servire.

    Se risultasse troppo asciutto aggiungete un mestolino di brodo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!