[Recensione] I Tigli di Simone Padoan

La scorsa settimana siamo andati a pranzare presso la Pizzeria  “I Tigli” di Simone Padoan in località San Bonifacio, provincia di Verona.

Il locale si trova al centro di San Bonifacio con ampia possibilità di parcheggio. Aperto dalle 12.oo alle 16.00 e alla sera dalle 19.00 alle 23.00 (chuiso il mercoledì) è un luogo ottimo sia per pranzo che per cena.

Arrivati sotto l’insegna posta sulla via principale solo un corridoio coperto separa la strada dalla porta della pizzeria.
Appena entrati si viene accolti con un gradito sorriso e molta cortesia; impressionante l’ambiente semplice, quasi minimale, nulla a che vedere con le pizzerie classiche visitate ad ora.

l_747_pizzeria-verona-i-tigli-simone-padoan

Accompagnati al tavolo ci vien chiesto se in passato abbiamo già mangiato prima ai Tigli oppure se è la nostra prima volta; essendo la nostra prima volta ci viene spiegato il menù, diviso in tre, riunendo in ciascuna parte tre tipologie di pizza, impasti, ingredienti e semplicità degli stessi usati.

Noi decidiamo di ordinare due pizze, ciascuna divisa in due gusti così da assaggiare quattro pizze. Ordiniamo la “Crudo di Gambero rosso” e la “Carbonara di Cappasanta” per quanto riguarda il pesce e la “Tagliata di Sorana” per la carne; abbiamo scelto anche la “Liguria” per assaggiare anche qualcosa di più semplice, andando comunque fuori dagli schemi imposti dalle pizzerie tradizionali.

vu01312s0032-000001pizza-pagina-1-immagine-0001-194545_0x440

La pizza è leggera, l’impasto classico non ha nulla a che vedere con ciò che offre Simone Padoan nella sua Pizzeria, o almeno non ordinando queste pizze.

Le pizze ci vengono portate in tavola già tagliate in otto fette e ad ogni portata ci vien spiegato il piatto dandoci consigli su come gustarlo al meglio, il pranzo è stato accompagnato da un buon vino Bianco dei Muni del 2010 e dall’ottima atmosfera creata dalla musica “soft” di sottofondo e la luce naturale che filtra dalle grandi vetrate intorno alla sala.

Speciale il sistema di areazione nelle cucine, nessun odore infatti arrivava alla sala lasciando così gustare al cento per cento la pizza senza inquinare il palato.

Il nostro pranzo si è concluso con la scelta di un dolce molto goloso chiamato Cioccolando: tortino al cioccolato “Sur del Lago” (Venezuela), cremino alla nocciola e cioccolato “Apurimac” (Perù) e bicchiere con biscotto, rum, gelato al caffè e spuma al cioccolato “Sambriano” (Madagascar).
Tre magnifici dolci in una sola portata, consigliato dalla cameriera da consumare in almeno due persone, noi da golosi che siamo ammettiamo di aver consumato volentieri un piatto a testa.

La Pizzeria “I Tigli” di Simone Padoan si sta facendo strada nella ristorazione italiana, citata su Vaniti Fair, da Dissapore tra le pizzerie gourmet d’Italia andando al secondo posto della lista e da Vogue tra le tante altre citazioni ed eccellenze date a questa pizzeria.

simone-padoan-640x426

Tutti i nostri complimenti ed auguri a Simone Padoan ed al suo Staff di lavoro che hanno portato la pizza ad un livello superiore eliminando quella barriera che un tempo separava l’alta cucina dalla tradizionale pizza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.