Tonno fresco scottato su mattonella di sale di Cervia

“La mattonella dello Chef di Sale Dolce di Cervia, rappresenta la Suprema sintesi del cucinare senza grassi con equlibrio e nel minor tempo possibile, una nuova frontiera” (Elio Sironi, Chef)

La mattonella di sale di cervia, conosciuta anche come Mattonella dello Chef, permette di cucinare le pietanze (carne – pesce – uova occhio di bue-verdure), senza alcuna aggiunta di grassi (come ad esempio olio o burro) con il risultato di una cottura molto sana e soprattutto dietetica, mantenendo inalterati gusto e profumi della pietanza. Durante la cottura, la pietanza assumerà da sola la giusta quantità di sale di cui ha bisogno, salandosi quindi autonomamente. Da quando vivo in provincia di Ravenna, per me è stata una vera scoperta, il sale dolce di Cervia è rinomato in tutta Italia, ma di questa prodigiosa mattonella non ne sapevo nulla, e con mio sommo piacere vi informo che potete acquistarla anche online! Fidatevi di me, dovete provarla, comoda e molto divertente da utilizzare, oltre che semplicissima. Basterà infatti scaldarla in forno, adagiarla poi su un tagliere di legno e procedere alla cottura dell’alimento, che potrà essere totale o al sangue, e addirittura anche solo per intiepidire o riscaldare la pietanza. La mattonella può inoltre essere utilizzata anche fredda, con il vantaggio che il cibo non si attaccherà sulla mattonella, al contrario dei cibi serviti sul ghiaccio! Può essere riutilizzata più volte, e viene venduta in comode confezioni da 4 pezzi!  Potrete organizzare una cena a base di pesce o carne, servendo ad ogni commensale la sua personale mattonella, dove potranno veder cuocere la propria porzione di pietanza, io l’ho fatto ed è stato davvero molto divertente! Sono sicura…che una volta provata, non la lascerete più!

Mattonella di sale di Cervia, per una cottura sana e senza grassi

Istruzioni per la cottura

Mattonella calda:

Per una cottura completa della pietanza (carne – pesce- verdure) scaldate il forno ventilato a 250 gradi, quindi inserite la mattonella nel forno (direttamente sulla leccarda o all’interno di una teglia) e fatela scaldare per 30 minuti, permettendole così di raggiungere una temperatura di 200- 220 gradi.  A questo punto rimuovete la mattonella con una paletta, e adagiatela su un tagliere di legno, quindi procedete alla cottura dell’alimento, adagiandolo con attenzione (per non scottarvi) sulla mattonella. Sentirete come inizierà a sfrigolare, come se fosse su una piastra! Girate l’alimento per terminare la cottura anche dall’altro lato, per tutto il tempo che ci vorrà, a seconda del grado di cottura che preferite. Potete anche scegliere di servire la pietanza direttamente sulla mattonella, per una cena divertente in cui stupirete tutti i vostri amici! 

Mezza cottura:

Per una mezza cottura o un intiepidimento delle pietanze, come ad esempio una Tartare di carne o pesce, inserite la mattonella nel forno preriscaldato a 250 gradi, ma questa volta solo per 15 minuti, permettendole di raggiungere una temperatura di 130 gradi. Rimuovete la mattonella con una paletta, adagiatela su un tagliere di legno, adagiatevi la pietanza e servitela subito in tavola! 

Mattonella Fredda:

La mattonella  può essere utilizzata anche fredda, tenendola dentro un abbattitore per 6 ore a -25 gradi, e nel freezer per 24 ore. In questo modo, con la mattonella ben fredda, potrete conservare la freschezza dell’alimento, con il vantaggio che la pietanza non si attaccherà sulla superficie,  come invece spesso accade, per i cibi serviti sul ghiaccio.  

Note:

  • Più calda è la mattonella più veloce sarà il processo di salagione della pietanza.
  • Più la pietanza rimane sulla mattonella e più sale assorbirà se priva di protezione (pelle naturale del prodotto, bianco uovo, spezie etc)
  • Si consiglia l’utilizzo di piatti che possano sopportare alte temperature (ceramica, pietra, legno)
  • Per salvaguardare il piatto è consigliabile utilizzare un centrino in lino da porre tra la mattonella e il piatto.

In fondo all’articolo troverete tutte le info su dove acquistare questa favolosa Mattonella dello Chef!

Vi lascio una mia personale ricetta, con del tonno fresco (usato per tartare o sushi, quindi rigorosamente abbattuto, chiedete sempre alla vostra pescheria di fiducia) appena scottato, e condito con un filo di olio a crudo e limone, fresco ed estivo! 

 

RICETTA

Tonno fresco scottato al profumo di limone, con sesamo ed erba cipollina

 

Ingredienti per due persone:

  • Mattonella dello Chef, 2 pezzi
  • Tonno fresco, 300 g (due fette da 150 g) il peso varia anche a seconda di come vi piace tagliato
  • Erba cipollina fresca
  • Semi di sesamo
  • Limone, uno piccolo
  • Olio extra vergine di oliva, da mettere a crudo, un filo

 

TONNO SCOTTATO su mattonella di sale di Cervia
TONNO SCOTTATO su mattonella di sale di Cervia

 

Preparazione

  • Scaldate il forno a 250 gradi in modalità ventilata, appena avrà raggiunto la temperatura, infornate le mattonelle e lasciatele scaldare per 15 minuti,  ( se desiderate cuocere totalmente la bistecca di tonno, lasciate scaldare la mattonella per 30 minuti).
  • Nel frattempo, lavate e asciugate le bistecche di tonno, tamponandole con della carta assorbente, quindi adagiatele su un piatto.
  • Tagliate finemente l’erba cipollina a coltello.
  • Una volta sfornate le mattonelle, adagiatele su un piatto di ceramica o un tagliere di legno, quindi adagiate ogni bistecca su una mattonella, e lasciatela scottare velocemente, quindi aiutandovi con una paletta, girate la bistecca per scottarla anche nell’altro lato. Naturalmente potrete decidere voi il grado di cottura, a me piace leggermente scottato! 
  • Una volta terminato, trasferite il tonno su un piatto, spolveratelo di sesamo, erba cipollina, un filo d’olio e spremete sopra un po’ di limone, il vostro tonno è pronto da gustare, perfettamente salato! 

 

Sale “dolce”di Cervia

Il sale della salina di Cervia, è un sale marino integrale, prodotto, raccolto e confezionato secondo il metodo tradizionale. Conosciuto a livello nazionale come un sale dolce, non perché non abbia una capacità salante, ma semplicemente per una limitata presenza di sali amari, come ad esempio i solfati di magnesio, di calcio di potassio, e il cloruro di magnesio, ovvero sostanze insolubili che conferiscono al sale quel retrogusto amarognolo meno gradito al palato.  Inoltre il Sale Dolce di Cervia mantiene la sua naturale umidità  del 2% (non essendo essiccato artificialmente), tipica del sale marino non raffinato, mantenendo così tutti gli oligoelementi presenti nell’acqua del mare, come lo iodio, lo zinco, il rame, il manganese, il ferro, il magnesio e il potassio. La maggior parte del sale comune da cucina (sia salgemma che marino) subisce dei trattamenti invasivi come ad esempio l’essiccatura, la raffinatura, lo sbiancamento, la macinatura, e viene addizionato con antiagglomeranti al fine di aumentarne la cospargilità. In questo modo, tutti gli elementi presenti vengono inevitabilmente dispersi, come lo iodio, che viene poi reintrodotto chimicamente. Avendo un gusto artificiale troppo forte, desensibilizza le nostre papille gustative, portandoci a salare sempre di più. EDUCARE al gusto e ad una SANA alimentazione, significa ricollocare il ruolo del sale come APPORTATORE di minerali ed oligoelementi, che consentono al nostro corpo di funzionare in maniera ottimale. 

-Tratto dalla brochure informativa della Salina di Cervia-

Se desiderate approfondire l’argomento sul Sale Dolce e le saline di Cervia, QUI potrete leggere il bellissimo articolo per il Gran Tour d’Italia AIFB, della nostra socia food blogger Aylin Caiola 

Per acquistare la Mattonella dello Chef, clicca QUI

Parco della Salina di Cervia srl, via Salaria, 6 48015 Cervia (Ravenna)

Tel 0544-971765 Fax 0544-978016

info@salinadicervia.it

www.salinadicervia.it

www.stanzadelsale.com

 

Segui tutte le novità del blog anche sulla pagina facebook Noce Moscata©

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Noce Moscata©

 

Precedente Gnocchi alla norma con ricotta salata e caciocavallo Successivo Spaghetti al ragù con piselli

2 commenti su “Tonno fresco scottato su mattonella di sale di Cervia

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.