Pollo piccante al patè di peperoncino

Per chi ama le ricette piccanti questo Pollo piccante al patè di peperoncino fa a caso vostro!

Ultimamente mi sto abituando molto al piccante, e me ne sto anche innamorando, quando ho ricevuto questo patè al peperoncino della Cannamela, l’ho utilizzato ovunque, e una delle migliore ricette è proprio questa del pollo piccante.

E’ un secondo che si prepara veramente in pochissimo tempo, perfetto per le cene lampo.

Pollo piccante al patè di peperoncinoPollo piccante al patè di peperoncino

Ingredienti:

  • 450 gr di petto di pollo
  • 1 bicchiere di salsa di pomodoro
  • 2 cucchiai di patè al peperoncino Cannamela
  • 2 cucchiaio di farina
  • 1 cipolla dorata
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale e pepe q.b.
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

Preparazione:

Per prima cosa bisogna tagliare il petto di pollo a bocconcini.

In una ciotola o in una busta, aggiungete i due cucchiai di farina e una spolverata di pepe nero, tuffateci dentro i bocconcini di pollo e infarinateli per bene.

In una padella ampia fate soffriggere con un filo d’olio la cipolla e l’aglio tagliati finemente.

Aggiungete i bocconcini di pollo e rosolateli bene.

Aggiungete il bicchiere di salsa di pomodoro e mezzo di acqua calda, aggiustate di sale e fate cucinare per 5 minuti .

Aggiungete il patè di peperoncino e mescolate per bene. Cucinate per altri 5 minuti coperti dal coperchio e lasciate fino a che il sugo si addensa.

Servite il Pollo piccante al patè di peperoncino con una bella fetta di pane e a piacere con un altro po’ di patè di peperoncino in cima.

Alcune ricette che ti possono interessare:

Pane alla Semola rimacinata

Pollo fritto croccante

Pane per Sandwich

Polpette di pollo al forno

Bauletto intrecciato al paté di olive

SE TI PIACCIONO LE MIE RICETTE E VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO,

MI PUOI TROVARE ANCHE SU:

FACEBOOK YOUTUBEPINTEREST INSTAGRAM

Una risposta a “Pollo piccante al patè di peperoncino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.