Crostata ai gelsi

Chi mi segue da un po’ sa bene che in giardino ho due alberi di gelsi secolari, uno nero e uno bianco. Il nero è il mio preferito, ne mangio sempre tanti appena raccolti, e ovviamente li impiego anche nelle mie ricette. La ricetta che più preparo, e che è anche molto apprezzata è quella della crostata ai gelsi con crema.
L’ho sempre fatta allo stesso modo, come quella di fragole, ma quest’anno ho deciso di cambiare la preparazione della crema facendone una più leggera, con amido di mais e meno zucchero perché i gelsi lo sono già abbastanza di suo, e con sole due uova. Come immaginavo il risultato è stato sublime.

crostata ai gelsi
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

per la frolla

  • 90 gburro
  • 280 gfarina 00
  • 80 gzucchero
  • 2uova
  • 1 pizzicobicarbonato

per la crema

  • 400 mllatte
  • 2tuorli
  • 90 gzucchero
  • 30 gamido di mais (maizena)
  • 1 bustinavanillina

per guarnire

  • q.b.gelsi neri

Preparazione

Frolla

  1. Per preparare la pasta frolla prendete la planetaria ed inserite il gancio K. Versate all’interno della ciotola la farina, lo zucchero e il bicarbonato. Formate una fontana al centro, quindi mettete il burro freddo a tocchetti. Fate lavorare a velocità 1 e successivamente a velocità 2 per un paio di minuti, facendo assorbire il burro alla farina. Otterrete così un composto sabbioso. Formate nuovamente una fontana e mettete al centro le uova. Iniziate a farle incorporare azionando la planetaria a velocità 3 per un paio di minuti. Tirate fuori l’impasto dalla planetaria, quindi lavoratelo per pochi secondi a mano, in modo da ottenere una palla omogenea.
    avvolgete con la pellicola e fate riposare in frigo per 10 minuti.

    Spolverate leggermente una spianatoio con della farina. Estraete la frolla dal frigo, quindi stendetela con un mattarello per uno spessore di poco più di mezzo centimentro.

    Trasferite ora la frolla in uno stampo per crostate, già imburrate e infarinato. Aiutatevi con in mattarello avvolgendo la frolla attorno ad esso, e successivamente srotolatela sullo stampo. Eliminate gli eccessi dai bordi.

    Trasferite lo stampo con la frolla nuovamente in frigo e lasciate riposare 20 minuti.

    Trascorso il tempo bucherellate il forno della frolla con una forchetta, quindi infornate a 180° per 25 minuti circa.

Crema

  1. Mentre la frolla cuoce in forno procedete alla preparazione della crema. In un pentolino di acciaio versate l’amido di mais e i due tuorli. Con una frusta iniziate a mescolare facendo amalgamare i due ingredienti. Aggiungete la vanillina, quindi mentre mescolate aggiungete il latte a filo. In fine versate lo zucchero e mescolate ancora per farlo sciogliere.

    Trasferita la pentola sul fuoco a fiamma medio-bassa, quindi portate a bollore. Mescolate spesso ma lentamente, soprattutto sul fondo, così da non farla attaccare. Appena si restringe spegnete il fuoco e lasciate raffreddare con la pellicola a contatto.

Composizione della crostata

  1. Una volta che sia la frolla, e sia la crema sono ben fredde potete iniziare ad assemblare la crostata ai gelsi. (Consiglio dunque di prepararle la mattina per la sera, o la sera per la mattina dopo).

    Estraete la frolla dallo stampo e adagiatela su un vassoio. Riempite tutto l’incavo con la crema. Livellate al meglio con un cucchiaio, quindi decorate con i gelsi.

    Fate riposare in frigo per almeno 40 minuti prima di servire.

Consigli e conservazione

Se la frolla in cottura dovesse gonfiare, (cosa probabile) è consigliabile aprire il forno, praticare nuovamente un paio di fori sul fondo con una forchetta, chiudere e lasciar continuare la cottura.

Può capitare che i gelsi rilascino del succo sulla crema. Non vi preoccupate, darà quel tocco di gusto in più.

La crostata ai gelsi con crema si conserva in frigo per 2-3 giorni.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.