Crea sito

Il Peperoncino – come essiccarlo e conservarlo

 

Il protagonista di oggi e’ sua maestà il Peperoncino, vediamo come essiccarlo e conservarlo.

peperoncini-immagine.jpgIl Peperoncino – come essiccarlo e conservarlo

Per le mie ricette quando è possibile preferisco utilizzare prodotti freschi,  difatti quasi tutti gli anni, oltre alle piantine aromatiche acquisto dei vasi di peperoncini, così da poterli raccogliere direttamente dalla pianta. Oltre ad essere bellissimi da vedere, i peperoncini freschi hanno  un  sapore e un aroma che non ha niente a che vedere con il prodotto secco  (sopratutto se acquistato già pronto), per via del lungo stoccaggio in magazzino e dalla provenienza.

Possiamo usufruire dei peperoncini freschi per un periodo limitato, nel momento in cui cominciano a raggrinsirsi,  consiglio di raccoglierli, lavarli, asciugarli per bene e farli essiccare al sole*. Io li chiudo all’interno di sacchetti di carta nei quali pratico dei forellini, in questo modo saranno protetti dalla polvere. Trascorsi un paio di mesi, trito i peperoncini con il mixer, oppure nel macinacaffè, se voglio ottenere una polvere più fine.

*(In alternativa, porre i peperoncini su una placca e farli asciugare nel forno a bassa temperatura).

Dopo aver macinato i peperoncini li conservo sottovuoto, e poi in frigo. Con questo procedimento i peperoncini macinati si manterranno inalterati per parecchi mesi, pronti ogni qualvolta li dovrò utilizzare per aromatizzare le mie ricette. (L’acquisto della macchina sottovuoto è stato un ottimo investimento, lo consiglio vivamente).

Che ne dite di preparare anche l’olio al peperoncino? Ecco come fare in pochissime mosse…

Sterilizzare i vasetti e i coperchi, capovolgerli e farli asciugare.

Lavare e asciugare bene i peperoncini freschi (oppure utilizzare quelli secchi), tagliuzzarli finemente, metterli all’interno dei barattoli e coprirli  completamente con olio EVO

Sigillare bene i vasetti e conservarli in dispensa. Dopo 2-3 mesi si potrà utilizzare l’olio al peperoncino come condimento per le bruschette o altre pietanze.

olio al peperoncino

Il Peperoncino, si dice che era conosciuto in Messico e in Cile da almeno 5000 anni a. C. E’ originario delle Americhe e fu Cristoforo Colombo che lo importò in Europa.
Alcuni ricercatori giapponesi ed americani hanno scoperto che il peperoncino rosso potrebbe avere un ruolo importante nella prevenzione del tumore alla prostata. L’uso regolare di peperoncino rosso, grazie alle sue proprietà antiossidanti, sembra ostacolare lo sviluppo del cancro a livello dello stomaco. Pare inoltre, che il peperoncino, oltre a favorire la circolazione sanguigna, sia un efficace vasodilatatore e renda elastici i capillari sanguigni.

il peperoncino

Da studi effettuati si è riscontrato che nelle regioni dove è diffuso il suo uso, malattie come gli infarti, l’arteriosclerosi e l’eccesso di colesterolo siano notevolmente limitate. Sembra che anche i capelli traggano beneficio dall’uso del peperoncino rosso; infatti una miglior circolazione sanguigna avrebbe effetti positivi anche sulla vita dei capelli.

La sostanza responsabile della piccantezza del peperoncino è la capsaicina che in proporzione diversa ne determina  la differenza  tra le diverse specie di peperoncino.

Per altre curiosità invito a visitare questo sito:clicca QUI

Per la coltivazione trovi consigli QUI

 

Il Peperoncino – come essiccarlo e conservarlo

peperoncini

Il Peperoncino – come essiccarlo e conservarlo

 peperoncini-immagine.jpg

Ti potrebbero interessare anche:

Origano – essiccazione e conservazione
Condimento agli aromi per verdure carne o pesce
Pangrattato aromatizzato
Pastelle per frittura
Pomodori confit

Se ti va, puoi seguirmi anche sulla mia Fan Page: Clicca QUI

Senza titolo-1
Grazie x la visita! Torna a trovarmi!

COPYRIGHT

 

 

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.