Tartellette di robiola e Gelatina di aceto balsamico, ricetta La Tradizione in Cucina…

Le tartellete di robiola con gelatina di aceto balsamico nascono per partecipare al contest La Tradizione in Cucina…, e ne sono felice perché a casa abbiamo decretato che saranno uno dei due antipasti del Natale di quest’anno, semplicissime da fare, buonissime da gustare, carinissime da presentare e anche molto economiche, infatti con queste dosi ho ottenuto 12 tartellette. Il gusto dell’aceto balsamico col formaggio è azzeccatissimo, e la gelatina consente di servire l’abbinamento in maniera molto pratica.

Tartellette di robiola e Gelatina di aceto balsamico

Ingredienti (per 12 tartellette)

200 g pasta brisè
200 g robiola
40 g Gelatina di aceto balsamico La Tradizione

1 uovo
pepe
sale

tartellette di robiola morti di fame

procedimento

Stendere la pasta brisè fino ad uno spessore di 2/3 mm, tagliarla con un coppapasta di forma adatta ai vostri stampi da tartelletta e foderare gli stampini

tartellette brisè morti di fame

Mescolare bene con una frusta 200 g di robiola con un uovo intero e aggiustare il composto con sale e pepe. versare una cucchiaiata di composto nelle tartellette fino a metà altezza

tartellette morti di fame

Pre-riscaldare il forno a 180° e infornare le tartellette di robiola a metà altezza per 10 minuti a forno statico (solo sotto) finire con altri 5 minuti in forno ventilato. Sfornarle e sformarle, finirle con mezzo cucchiaino di Gelatina di aceto balsamico la Tradizione su ogni tartelletta.

Gelatina di aceto balsamico morti di fame

Ecco pronte le tartellette di robiola, semplici e veloci e farete un figurone servitele tiepide.

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente e dalla scuola CAST Alimenti in collaborazione con Acetaia La tradizione

contestGelatina

Se vi è piaciuta questa ricetta, mi trovate anche su facebook  http://www.facebook.com/Mortidifame, mettete un mi piace anche sulla pagina? Grazie :-)

 

Precedente Glassa a specchio, ricetta torta gianduia Successivo La torta gianduia, spiegazioni composizione finale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.