Marmellata di cosce di monaca velocissima, ricetta furba

La marmellata di cosce di monaca è l’unica che mia suocera mangi, quindi ogni anno ne fa in quantità, ma lei usa il metodo tradizionale che prevede una cottura molto lunga e io mi stufo facile, inoltre fa caldo. Qualche giorno fa chiacchierando con delle amiche ho scoperto che la marmellata si può fare anche al microonde senza bisogno di aggiungere altro a frutta e zucchero. Una mia amica mi ha detto che segue il metodo di questo blog Comm’è amaro stu ppane, e io sono andata subito a vedere visto che mio suocero aveva portato a casa tre cassette di cosce di monaca. Le cosce di monaca sono una qualità di susine molto diffuse in questa zona, piccole molto dolci ma con un fondo asprigno molto gradevole.

Io ho apportato una variazione alla quantità di zucchero, ma comunque è una questione di gusti, quindi regolatevi voi, non scendete comunque sotto la proporzione 3:1 frutta zucchero per non comprometterne la “conservabilità”

Marmellata di cosce di monaca

Ingredienti

500 g di cosce di monaca denocciolate (o altra frutta)
175 g di zucchero

marmellata di cosce di monaca

Procedimento

Denocciolate e tagliate a pezzi la frutta (io le cosce di monaca le ho tagliate a metà, ma sono piccoline, per frutta più grande regolatevi con pezzi di massimo 2 cm di lato), mescolatela allo zucchero e mettetela in un recipiente adatto al microonde, meglio di vetro o ceramica perché il composto diventa molto caldo, il recipiente deve essere abbastanza alto e largo per evitare di sporcare il forno, e dovete riempirlo fino ad un terzo.
Mettete un piattino in frigo che userete per controllare se la marmellata è abbastanza densa. Mettete la frutta nel microonde alla massima potenza per 10 minuti (il mio ha la potenza massima di 800), tiratela fuori datele una bella girata e rimettetela di nuovo in forno per altri 10 minuti. Ora tiratela fuori, date una rimescolata e prendetene una piccola quantità col cucchiaio, versatela sul piattino freddo e controllate se è abbastanza densa, di solito è sufficiente, ma in base al tipo di frutta e alla quantità di zucchero potrebbe essere necessario rimettere in forno per qualche altro minuto.
Invasate immediatamente in vasetti puliti e sterilizzati e usate sempre tappi nuovi o comunque in perfette condizioni, chiudete bene e lasciate freddare, assicuratevi che i tappi si incavino all’interno (controllate dopo qualche ora che non facciano “clicclac”).

Ecco la vostra marmellata pronta e soprattutto la cucina intonsa :-D.
questo metodo è perfetto anche se non volete fare le maratone di marmellata, infatti prevede piccole quantità, un lavoretto da fare la sera dopo cena, senza stress.

Potete ovviamente usare qualunque tipo di frutta e sbizzarrirvi con combinazioni e aromatizzazioni ;-).

Se vi va di tenervi aggiornati, mi trovate anche su facebook  http://www.facebook.com/Mortidifame

Precedente Nocine di pate a foncer con mousse di prosciutto cotto, ricetta sfiziosa Successivo Wow son finita sul giornale (viva e non in manette) son soddisfazioni

8 commenti su “Marmellata di cosce di monaca velocissima, ricetta furba

  1. elisa il said:

    Ciao, ho appena provato, è possibile che con 500 gr di frutta pulita mi sia venuto marmellata per riempire solo un vasetto che a occhio credo sia da 200 gr circa?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.