Crea sito

Pasticcio di pane raffermo, Ricetta riciclosa

Il Pasticcio di pane raffermo è una ricetta riciclosa ma assolutamente gustosa che consiglio vivamente per portare a tavola un piatto molto buono utilizzando il pane vecchio avanzato.

Pasticcio di pane raffermo, Ricetta riciclosa

Pasticcio di pane raffermo, Ricetta riciclosa

Pasticcio di pane raffermo, Ricetta riciclosa

Tempo di esecuzione: 60″
Grado di difficoltà: facile
Ingredienti per 4 persone:
fette di pane raffermo:
  quanto basta per ricoprire il fondo di una teglia rettangolare grande 20×30 cm / funghi trifolati in scattola: 250 gr /  besciamella: 300 gr / vino bianco: un po’ meno di mezzo bicchiere / parmigiano: 2 cucchiai grattugiato + 2 cucchiai grattato più grosso / latte: q.b. / sale pepe: q.b. / olio extra vergine di oliva: q.b. / burro: q.b. / fette sottili di scamorza : q.b /

Procedimento:
Ponete il pan vecchio tagliato a fette con spessore di 2 cm in un recipiente e versate una quantità di latte sufficiente per ricoprirlo. Lasciate che il pane si ammorbidisca per 15-20″ poi strizzandolo trasferitelo in una teglia rettangolare di 20×30 cm.

Pasticcio di pane

In una ciotola versate i funghi, la besciamella, il vivo e il parmigiano, aggiungete un filino di olio, mescolate e correggete di sale e pepe.  Spalmate la crema sulla superficie del pane già posizionato nella teglia. Sparpagliate in superficie il parmigiano tagliato più grosso e posizionate qua e là  fette sottili di scamorza in quantità generosa.

Pasticcio di pane raffermo

Collocate pochi riccioli di burro in superficie e infornate a 180° per 30/35″ a forno preriscaldato. Servite caldo questo Pasticcio di pane raffermo.

Pasticcio di pane raffermo

Qualche altra idea riciclosa?

Crostini di pan vecchio al parmigiano

Crostini al rosmarino dal pan vecio, Crostini di pane, Ricetta crostini veloci

Pane da riciclo in crostini sfiziosi

 

Vieni e unisciti alla mia Fan Page in Facebook cliccando qui

 

 

 

6 Risposte a “Pasticcio di pane raffermo, Ricetta riciclosa”

  1. Ciao Clara, mi hai taggata in questa ricetta, che mi ha subito incuriosita e mi subito apprestata a dare un’occhiatina 😉 Mi sa che la proverò quanto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.