Chiacchiere di Carnevale a forma di cuore

Chiacchiere di Carnevale. Dolci che si lasciano attendere per un anno intero e che si prestano ad essere gustati in compagnia magari accompagnati da un fiume di chiacchiere. Ma di quelle a forma di parola eh! Leggere e friabili, cosparse da tanto zucchero a velo, le chiacchiere sono preparate in occasione di una delle feste più belle e colorate dell’anno, il Carnevale. Da regione a regione variano i nomi. Le ho sentite chiamare bugie, frappe, crostoli, cenci e galani e chissà quanti altri nomi ci sono. La ricetta però è la stessa, talvolta con minuscole varianti che le rendono tutte interessanti.
Ora che sono a Londra me le sogno di trovarle qui nelle decine di Patisserie sparse per la città. Le Chiacchiere di Carnevale così come le frittelle restano nelle vetrine delle nostre pasticcerie italiane, qui invece non se ne vede nemmeno l’ombra ahimè. Sta di fatto però che mi inorgoglisce pensare di provenire da un paese così attento al cibo. Così come assai fantasioso nell’aver inventato tante buone ricette salate e dolci che tutto il mondo ci invidia e copia. Le imitazioni però restano imitazioni e i sapori nostrani restano i migliori lasciando ancora a noi il primato di una delle cucine più buone del mondo.
Date le circostanze non mi resta che farmene una ragione e arrangiarmi. Chi fa per sè fa per tre. Giusto? E allora facciamocele a casa e devo dire che vengono buonissime ottenendo un prodotto goloso, irrinunciabile.
Perciò vediamo come farle e gli ingredienti necessari per un piatto di Chiacchiere di Carnevale.

SEGUIMI QUI  NELLA PAGINA FACEBOOK

Chiacchiere di Carnevale
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni1 piatto piano
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 130 gFarina
  • 1Uova (a temperatura ambiente)
  • 1 cucchiaioZucchero
  • 1 cucchiaioLiquore all’anice (oppure Liquore al Mirto o vino bianco)
  • 1 cucchiaioOlio di semi di girasole
  • 1Limoni
  • 1 pizzicoSale
  • q.b.Olio di semi di arachide (per la frittura)
  • q.b.Zucchero a velo

Preparazione delle Chiacchiere di Carnevale

Se prepari tutti gli ingredienti sul tavolo facciamo prima.
Pronta?
Prendi una ciotola e versaci l’albume e il tuorlo d’uovo. Aggiungi lo zucchero, il liquore, l’olio, il pizzico di sale e la buccia grattugiata di meno della metà del limone. Mescola tutto con una forchetta fino ad ottenere una crema fluida e omogenea. Ora inizia ad inglobare la farina mettendola un poco per volta nella ciotola con gli altri ingredienti. Puoi lavorare con le mani o con una frusta se ti senti così più a tuo agio.
Quando l’impasto si compatta un poco trasferiscilo sulla spianatoia e continua a lavorare l’impasto per qualche minuto inglobando altra farina. Dovrai ottenere una sfoglia elastica, liscia e sottile. Ricordati si spolverare di farina il piano di lavoro man mano che procedi nel formare la sfoglia. Una volta ottenuta la sfoglia taglia con la rotella strisce di pasta, procedendo prima in un senso poi nel senso opposto per ottenere lunghi rettangolini. Quando hai finito passa alla cottura prendendo una padella con abbondante olio per friggere. Quando l’olio è pronto ( te ne accorgi perchè l’impasto torna subito a galla) inizia la frittura. Metti un numero ragionevole di chiacchiere alla volta per poterle girare durante la cottura. Una volta gonfiate e belle dorate su entrambe i lati puoi toglierle con un mestolo forato e metterle su carta assorbente. Lascia asciugare per bene le chiacchiere fritte.
  1. Chiacchiere di Carnevale

    Infine spolvera abbondante zucchero a velo.

    Ora sono pronte da gustare magari davanti ad un cappuccino o ad un tè se lo preferisci.

Note

Puoi conservare le chiacchiere per un paio di giorni in una scatola chiusa o meglio ancora in sacchetti di carta per assorbire l’umidità.

SEGUIMI QUI  NELLA PAGINA FACEBOOK

Torna alla HOME

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.