Quaresimali napoletani senza lievito

I quaresimali napoletani senza lievito sono facilissimi e veloci biscotti secchi, ripieni di mandorle o nocciole, che si preparano nel periodo pasquale. Non contengono burro o sugna, da qui il loro nome, poiché durante la Quaresima non andrebbero mangiati né carni né grassi di origine animale. Ogni famiglia ha una propria ricetta e nella mia, a differenza delle altre, non viene aggiunto nessun agente lievitante. I quaresimali si servono accompagnati da vini liquorosi dolci, ma sono fantastici anche a colazione, nel latte e caffé.

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    40/45 minuti
  • Porzioni:
    30 quaresimali
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Zucchero 200 g
  • Uova 3
  • Chiodo di garofano 1
  • Cannella in polvere q.b.
  • Vanillina 1 bustina
  • Strega liquore 20 ml
  • Acqua 100 ml
  • Mandorle 200 g
  • Sale fino 1 pizzico

Preparazione

  1. 1) Tostiamo le mandorle in forno a 170* per circa 20/25 minuti o fino a quando non diventeranno croccanti. Sforniamole, lasciamole raffreddare e tritiamole molto grossolanamente.

    2) In una capiente zuppiera cominciamo a mettere prima gli ingredienti secchi: le mandorle, la farina setacciata, lo zucchero, la vanillina, il chiodo di garofano tritato finemente, il pizzico di sale e la cannella.

    3) Mescoliamoli e aggiungiamo le uova intere (se le uova sono grandi, mettiamone solo due), il liquore e l’acqua. Impastiamo tutti gli ingredienti fino ad ottenere un panetto ben amalgamato e compatto.

    4) Trasferiamo l’impasto su un piano infarinato e dividiamolo in tre pezzi che allungheremo e schiacceremo leggermente, fino a formare dei panetti rettangolari che trasferiremo su una teglia ricoperta di carta forno.

    5) Inforniamo la teglia nel forno già caldo a 200*, a metà altezza, e cuociamoli per circa 40 minuti.

    6) Sforniamo i panetti, tagliamoli a fette larghe 1 dito e rimettiamoli nel forno a 150* per circa 20 minuti per farli seccare un po’; infine, sforniamoli e lasciamoli raffreddare completamente. I quaresimali diventano più buoni col passare del tempo e si conservano per tanto tempo in scatole di latta.

    L’idea in più. Se si desiderano biscotti quaresimali meno duri, basterà diminuire leggermente la quantità di zucchero, oppure si può aggiungere un cucchiaino raso di ammoniaca per dolci.

Precedente Mezze maniche al forno con cavolfiore e pancetta Successivo Gnocchi di patate con farina integrale

Lascia un commento

*