Calzoni al forno ripieni di carciofi e ricotta

I calzoni al forno ripieni di carciofi e ricotta sono degli sfiziosissimi gusci di pasta lievitata da farcire a piacere. Sono facili e, a seconda delle nostre esigenze, possiamo scegliere se fare una lievitazione unica oppure doppia. I calzoni sono ottimi per la cena del sabato sera, per i buffet, per una serata tra amici, ecc… Possiamo personalizzarli sia nel ripieno che nelle dimensioni, come più ci piace.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    3-4 ore
  • Cottura:
    12/15 minuti
  • Porzioni:
    8 calzoni
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Lievitino

  • Farina 00 per pizza 100 g
  • Lievito di birra fresco 3 g
  • Acqua q.b.

Impasto

  • Farina 00 per pizza 250 g
  • Sale fino 7.5 g
  • Acqua 90 ml
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Lievitino

Ripieno

  • Carciofi 6
  • Cipolla 1/2
  • Acqua calda 2 bicchieri
  • Maggiorana q.b.
  • Vino bianco secco 1 cucchiaio
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe q.b.
  • Ricotta di pecora 125 g
  • formaggio grattugiato q.b.

Preparazione

  1. In una capiente terrina mettiamo il lievitino (che, nel frattempo, avrà raddoppiato il suo volume), metà acqua e metà della farina setacciata. Cominciamo ad impastare grossolanamente.

    Poi aggiungiamo il resto dell’acqua e della farina, il sale e l’olio e impastiamo fino ad ottenere un panetto morbido, facile da lavorare. Personalmente, preferisco lavorare gli impasti nella ciotola, per evitare di aggiungere altra farina. Se il panetto dovesse presentarsi troppo sodo aggiungiamo qualche cucchiaino d’acqua, senza esagerare, fino ad ottenere la consistenza desiderata. Mettiamo a riposare per circa 30 minuti, coperto a campana, cioè sotto un contenitore.

    Trascorso il tempo, riprendiamo il panetto e dividiamolo in 8 pezzi, all’incirca dello stesso peso, arrotoliamoli su se stessi e formiamo delle sfere che metteremo a lievitare per un paio d’ore circa o, comunque, fino al raddoppio.

    Ora possiamo dedicarci al ripieno. Laviamo ed eliminiamo dai carciofi le foglie esterne più dure e poi tagliamo via la punta del carciofo. Tagliamoli a metà, eliminiamo eventuale fieno interno e affettiamoli sottili.

    Puliamo anche i gambi, eliminiamo la parte esterna più dura e tagliamoli a tocchetti. In una padella antiaderente facciamo rosolare la cipolla. Quando sarà ben rosolata, aggiungiamo i carciofi, i gambi, la maggiorana e facciamo rosolare tutto per qualche minuto.

    Bagniamo col vino e facciamo evaporare l’alcool. Saliamo e bagniamo con l’acqua già calda, copriamo e lasciamo cuocere i carciofi, a fiamma bassa, fino a quando non diventeranno teneri ma non sfatti.

    Facciamoli raffreddare, scolandoli dal sugo di cottura e poi mescoliamoli alla ricotta e al formaggio grattugiato; mettiamo il composto ottenuto da parte.

    Ora formiamo i calzoni. Riprendiamo le sfere lievitate e morbide e, con un movimento delle dita dall’alto verso il basso, stendiamole con le mani, cercando di formare un cerchio (aiutandoci con un po’ di farina sulle mani). Possiamo anche usare il mattarello, senza però schiacciare troppo la pasta.

    Su metà calzone, mettiamo un cucchiaio di composto di carciofi e ricotta, richiudiamo sovrapponendo l’atra metà, schiacciamo i bordi con la punta delle dita, per evitare che il ripieno fuoriesca e apriamo un piccolo foro sul calzone: favorirà la fuoriuscita del vapore e eviterà che si gonfino troppo.

    Mettiamoli in una teglia ricoperta di carta forno. Possiamo cuocerli subito, in forno già caldo a 220*, sul ripiano più basso, per circa 12/15 minuti al massimo. In questo caso la consistenza sarà più croccante.

    Possiamo, invece, una volta farciti, farli lievitare per un paio d’ore ancora e infornarli con le stesse modalità descritte sopra. In quest’altro caso i calzoni saranno più gonfi e avranno una consistenza più morbida.

Precedente Riso al forno con ragù e funghi Successivo Couscous con asparagi e fave

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.