Crea sito

Ciabatte di pane alle olive impasto semplice a lunga lievitazione

Da quando ho scoperto grazie alla mia amica e collega blogger Annamaria la ricetta del pane senza impasto me ne sono così innamorata che sto sfornando pane a volontà!! E dalla ricetta base mi sono divertita, come mi piace fare spesso in cucina, a togliere, aggiungere, mischiare per ottenere, ogni volta, degli ottimi risultati. Proprio come queste gustosissime Ciabatte di pane alle olive, con una crosta croccante ed una mollica soffice soffice. Appena sfornato è fantastico ma la sorpresa più grande è la sua consistenza a distanza di due-tre giorni… Se conservate all’interno di sacchetti per alimenti queste ciabatte alle olive diventano così morbide da non credere ed proprio difficile resisterle!!! Per realizzare queste ciabatte di pane ho utilizzato la farina di tipo 1 e la semola rimacinata di grano duro. Per renderle ancora più golose ho deciso di aggiungere all’impasto delle olive nere, per un risultato davvero irresistibile!! Vediamo insieme come si preparano.

Se ti piace fare il pane in casa non puoi perderti queste ricette:
Pane integrale fatto in casa
Pane cafone o pane senza impasto
Pane di semola rimacinata di grano duro
Pane irlandese senza lievita (Soda Bread)
Panini all’olio fatti in casa
Pane alle noci

ciabatte di pane alle olive
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo13 Ore
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni3-4 ciabatte
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina tipo 1
  • 500 gSemola di grano duro rimacinata
  • 19 gSale
  • 200 gOlive nere (denocciolate)
  • 7 gLievito di birra fresco (oppure 2 grammi di lievito di birra secco)
  • 670 gAcqua (+ q.b. in base alla farina utilizzata, in questo caso ho aggiunto altri 50 gr)
  • q.b.Farina 0 (per lavorare sulla spianatoia)

Preparazione

  1. Per preparare le ciabatte di pane alle olive cominciate col prendere una ciotola molto grande perchè l’impasto lieviterà molto e servirà uno spazio sufficiente. Mettete all’interno della ciotola le due farine, di tipo 1 e la semola di grano duro rimacinata e mescolate bene.

  2. Versate 70 grammi di acqua tiepida in un bicchiere e all’interno fate sciogliere il lievito di birra fresco (potete sostituirlo con quello secco pari a 2 grammi), aggiungete mezzo cucchiaino di zucchero, mescolate e lasciate attivare per circa 5 minuti.

  3. Un consiglio importante, l’acqua dove andate a sciogliere il lievito di birra non deve mai essere calda, ma leggermente tiepida, altrimenti il lievito non farà il suo dovere.

  4. Trascorsi 5 minuti e quando il lievito è ormai sciolto versatelo all’interno della farina con tutta l’acqua.

  5. Cominciate ad amalgamare gli ingredienti con un mestolo e continuate a versare, piano piano, la restante acqua (ovvero 600 grammi) fino a quando le farine l’avranno assorbita completamente.

  6. Bisogna ricordare che ogni tipo di farina assorbe in maniera diversa l’acqua perciò la dose sopra indicata (670 grammi) può variare in base alla (o alle in caso di mix) farina che scegliete. Nel caso specifico, avendo usato due farine diverse rispetto a quella prevista dalla ricetta originale oltre alla dose prevista (670 grammi) ho aggiunto altri 50 grammi di acqua.

  7. Questo perchè le due farine hanno assorbito di più l’acqua e quindi è stato necessario aggiungerne un altro po’. Il segreto è versarla un po’ alla volta così da fermarci quando raggiungiamo la giusta consistenza, ovvero un composto molto molto morbido, idratato e appiccicoso.

  8. Solo a questo punto aggiungete il sale e con una spatola amalgamate bene. Coprite con una pellicola per alimenti e fate lievitare per circa 12 ore a temperatura ambiente, non in frigo.

  9. Per quanto riguarda il tempo di lievitazione diciamo che se in casa avete una temperatura che va dai 21 ai 22 gradi serviranno 12 ore di lievitazione circa. Se è sotto ai 21 gradi ci vorrà circa 1 ora in più, se intorno ai 24 gradi circa 1 ora in meno.

  10. Trascorso il tempo di lievitazione troverete il vostro impasto triplicato di volume, bellissimo e pieno di bolle. A questo punto tagliate le olive nere a fettine sottili e fatele asciugare dal liquido di conservazione tamponandole con carta da cucina.

  11. Versate le olive a fettine direttamente sull’impasto ancora dentro alla ciotola e con le mani iniziate ad amalgamare delicatamente. Prendete poi una spianatoia, infarinatela abbondantemente e versate sopra tutto l’impasto.

  12. Adesso è il momento delle pieghe. Con le mani ben infarinate prendete l’impasto e con le dita, delicatamente, cercate di allargarlo sulla spianatoia, dandogli una forma più o meno rettangolare.

  13. Quindi ripiegate il lato destro verso sinistra e il lato sinistro verso destra, poi dal basso piegatelo verso l’alto e dall’alto verso il basso. Capovolgetelo sulla spianatoia e ripetete le pieghe per 3-4 volte, ogni volta dovrete di nuovo allargate prima l’impasto dandogli una forma più o meno rettangolare e poi fare le pieghe.

  14. Cospargete sempre bene il piano e l’impasto con farina e fate in maniera tale che le olive si amalgamano bene.

  15. Dopo aver fatto le pieghe e l’impasto è diventato più consistente, suddividerlo in 3 filoncini. Facendo la massima attenzione per non sgonfiare l’impasto prendete un filoncino alla volta, arrotolatelo su se stesso come a formare un torciglione, disponetelo su una placca rivestita di carta forno e sopra spolverata generosamente con la farina.

  16. Fate lo stesso con gli altri 2 filoncini, attorcigliateli e sistemateli sulla teglia cercando di distanziarli di qualche centimetro. Coprite con un canovaccio e fate lievitare per un’ora.

  17. Trascorso il tempo di lievitazione infornate le ciabatte ma mi raccomando il forno dev’essere preriscaldato da circa 20-30 minuti per raggiungere la giusta temperatura. Infornate a 190° per circa 30-40 minuti modalità ventilata.

  18. Trascorso il tempo fate una prova, inserite uno stecchino all’interno di una ciabatta e se rimane asciutto il pane è pronto. Sfornate e fate raffreddare le ciabatte su una gratella per far evaporare meglio l’umidità.

  19. Buona norma sarebbe non tagliare il pane appena sfornato ma aspettare che sia completamente freddo. Io confesso di non esserci riuscita e un pezzettino di ciabatta alle olive ho dovuto provarlo… amore allo stato puro!!

  20. Credetemi se vi dico che queste ciabatte alle olive vi sorprenderanno!

    Buon pane a tutti e alla prossima ricetta!

    Gabry © tutti i diritti riservati

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Gabry

Il mio nome è Gabry (o meglio Gabriella!), ho 36 anni e sono abruzzese doc!! Sono una ragazza semplice, con un grande cuore ♥ Non sono una cuoca di professione, piuttosto mi definisco una “pasticciona” ai fornelli! Però, tra esperimenti, successi e fallimenti, quando indosso il mio grembiule mi sento felice...