Jambonet di pollo in salsa alla birra rossa e mignon di peperoni

Un piatto delicato e invogliante alla vista, non ci resta che prepararlo e gustarlo.

  • DifficoltàAlta
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni1
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti:

  • 2cosce di pollo (medie)
  • 6peperoni mignon (in alternativa peperoni gialli, rossi, verdi tagliati a julienne)
  • 1 ramettosalvia
  • 1 ramettorosmarino
  • 1 spicchioaglio bianco piacentino
  • q.b.sale
  • q.b.pepe nero
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • 1 bicchierebirra rossa (dolciastra)

Strumenti:

  • 2 Padelle
  • 1 Coltello
  • 1 Pentolino
  • 1 Colino
  • 1 Mestolo

Preparazione:

  1. Prepariamo tutti gli ingredienti.

  2. Facciamo friggere i peperoni in una padella con un filo di olio evo, del sale e del pepe nero per 10 minuti.

  3. In un’altra padella mettiamo un filo di olio evo, uno spicchio d’aglio, le cosce di pollo, farle andare a fuoco lento girandole su tutti i lati per 10 minuti (le cosce di pollo vanno preparate dandogli la classica forma alla jambonet: tagliate alla base dell’osso i tendini e aiutandovi con una mano tirate la carne verso il lato opposto dandogli il più possibile la forma di un cuoricino).

  4. Versiamo sopra la birra rossa e aggiungiamo gli odori. Lasciamo in cottura per ulteriori 15 minuti sempre a fuoco moderato.

  5. Prepariamo per addensare la salsa: mezzo bicchiere d’acqua,10 g di maizena e un pizzico di sale; in un pentolino facciamo incorporare la maizena a freddo setacciandola con un colino, portare a ebollizione a fuoco moderato e spegnere.

  6. Aggiungiamo il composto appena fatto in padella e mescoliamo per bene fino ad ottenere una salsa liscia, omogenea e lucida come in foto.

  7. Il nostro piatto è pronto, non ci resta che impiattare come in foto.

    Buon appetito!!!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.