Plumcake all’arancia con impasto allo yogurt

Come ormai avrete capito, cerco ogni volta che posso di preparare in casa la colazione per la mia famiglia, variando gli impasti e gli aromi ma proponendo sempre un dolce fatto in casa.

Qualche giorno fa, ho preparato un profumatissimo plumcake all’arancia con impasto allo yogurt, soffice soffice e senza burro, una vera bontà! Ho arricchito l’impasto anche con della farina di mandorle, il cui aroma si sposa benissimo con quello delle arance.

Ho poi completato il mio plumcake con una semplice spolverata di zucchero a velo, ma volendo potete arricchire la superficie anche con una golosa glassa (come ho fatto in questa torta all’arancia).

Eccovi la ricetta: è facilissima!

plumcake all'arancia
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:10 minuti
  • Cottura:50 minuti
  • Porzioni:8 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Uova 3
  • Zucchero 150 g
  • Arance 2-3
  • Farina 00 200 g
  • Farina di mandorle 100 g
  • Yogurt bianco naturale 250 g
  • Lievito per dolci 1 bustina
  • Zucchero a velo 1 cucchiaino

Preparazione

  1. Lavorare le uova con lo zucchero con le fruste finché non sono chiare e spumose, poi unire lo yogurt.

  2. Aggiungere pian piano la farina e la farina di mandorle e far amalgamare all’impasto.

  3. Grattugiare la scorza delle arance e aggiungere all’impasto, poi spremerle e filtrarne il succo.

    Aggiungerne 100 ml all’impasto.

  4. Infine, aggiungere il lievito.

  5. Imburrare e infarinare uno stampo per plumcake, poi versarvici l’impasto.

    Cuocere in forno preriscaldato in modalità statica a 170° per 50 minuti circa, poi estrarre dal forno e lasciare raffreddare completamente.

    Togliere delicatamente dallo stampo e cospargere di zucchero a velo, poi servire a fette.

    Buon appetito, il vostro plumcake all’arancia è pronto!

Note e consigli:

  • Se non si ha la farina di mandorle, è possibile ottenerla frullando le mandorle pelate, o in alternativa sostituirla con farina bianca;
  • Non aprire il forno durante la prima mezzora di cottura: c’è il rischio che la torta ceda;
  • Per verificare l’avvenuta cottura, fare la “prova stecchino”: infilzare uno stecchino nella parte più alta del plumcake e, se esce asciutto, il plumcake è pronto;
  • Se messo in un contenitore ermetico, il plumcake si conserva morbido anche per 3-4 giorni.

Seguimi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Per restare sempre aggiornato sulle mie ricette, iscriviti alla newsletter!

Precedente Pesto di cavolo nero alle noci per pasta e crostini Successivo Le frittelle di San Martino con uvetta e semi di finocchio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.