Patate pastellate al parmigiano

Se dovessero chiedermi quali sono i miei alimenti preferiti, quelli a cui non potrei mai rinunciare, fra questi metterei di certo le patate. Le adoro davvero in tutti i modi: bollite, al forno, fritte, a purè…
Oggi ve le propongo in una veste insolita che ho voluto sperimentare ieri a pranzo: con una golosa crosticina al formaggio, sono semplicemente favolose!
Le patate pastellate al parmigiano vengono prima cotte al vapore e poi passate in una leggera pastella alla birra e nel parmigiano grattugiato. Si lasciano gratinare in forno e…eccole pronte!
Per questa ricetta vi consiglio di scegliere patate di piccola pezzatura e di dimensione simile (ancora meglio se novelle!), così da poterle cuocere intere ed assicurare una cottura uniforme.

Patate pastellate al parmigiano

Patate pastellate al parmigiano

Ingredienti per 4 persone:

20 patate piccole di forma regolare (perfette le patate novelle)
2 tazzine da caffè di birra
1 tazzina da caffè di farina
150 gr di parmigiano grattugiato
30 gr di burro
Sale, pepe nero

Preparazione:

Pelare le patate e sciacquare bene, poi tamponare con carta assorbente.
Cuocere al vapore per circa 20-25 minuti o comunque fino a quando le patate risultano cotte ma sode (con la pentola a pressione il tempo si riduce a 10 minuti).
Fare una pastella con la birra fredda, la farina ed un pizzico di sale e lavorare bene con un frustino.
Porre il parmigiano grattugiato in una ciotola.
Passare le patate nella pastella e poi nel parmigiano e porre in una teglia rivestita di carta forno ben distanziate fra loro.
Completare ogni patata con un ciuffetto di burro ed una spolverata di pepe nero.
Cuocere le patate in forno preriscaldato in modalità ventilata a 220° per 10-12 minuti, o comunque fino a doratura.
Sfornare e servire le patate pastellate al parmigiano ben calde.
Buon appetito!

Cerchi altre ricette con le patate? Clicca qui!

Patate pastellate al parmigiano

Precedente Zucca arrosto al forno Successivo Baccalà alle olive

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.