Pasta brisée

Quando si parla di torte salate, non si può non parlare di pasta brisée, un impasto di base tipico della cucina francese ma molto utilizzato anche in Italia.
Voi direte: “Ma se la trovo bella e fatta al supermercato, che bisogno ho di perdere tempo e fatica per farla?”. Beh, come potete immaginare, non sono d’accordo con voi, per diverse ragioni.
La prima è che naturalmente la pasta brisée acquistata, come tutti i semipreparati, è meno sana di quella fatta in casa perché contiene conservanti ed ingredienti certamente di qualità inferiore rispetto a quelli che possiamo utilizzare in quella artigianale, il secondo è che questa preparazione è davvero semplice e vi ci vogliono non più di 10 minuti a prepararla, per cui acquistarla mi sembra sciocco, ed il terzo è che è moooolto più gustosa e fragrante se la fate da voi 🙂 .
Insomma, sono riuscita a convincervi? Facciamo un patto: voi la fate una volta soltanto…e poi mi fate sapere se avete cambiato idea!
Oltre che per preparare delle deliziose torte salate, la pasta brisée è un’ottima base anche per bocconcini sia dolci che salati, insomma, una base versatile per le vostre golose creazioni!
Ecco la ricetta.

Pasta brisée

Pasta brisée

Ingredienti:

200 gr di farina 00
100 gr di burro
70 ml di acqua fredda
1 pizzico di sale (solo per le preparazioni salate)

Preparazione:

Tagliare il burro freddo a pezzetti e mettere in un mixer con la farina ed il sale, fino ad ottenere la cosiddetta “sabbiatura”.
Porre la sabbia così ottenuta in una ciotola, aggiungere l’acqua fredda ed impastare velocemente con le mani.
Formare una palla, avvolgere nella pellicola trasparente e porre in frigorifero a riposare per 30 minuti.
Trascorso questo tempo, stendere l’impasto fra due fogli di carta forno infarinati ed utilizzarla per la ricetta desiderata.

ps: se dovete utilizzare la pasta brisée per una torta salata, prima di aggiungere il condimento, cuocere la base con sopra un foglio di carta forno e dei legumi secchi (ceci o fagioli) e cuocere in forno preriscaldato in modalità statica a 200° (la cosiddetta cottura alla cieca). Trascorso questo tempo, estrarre la base dal forno, togliere i legumi e la carta forno, aggiungere il condimento e proseguire la cottura in forno.

Precedente Pesce spada alla palermitana Successivo Tortelli di carciofi su brodetto ai gamberi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.