Lonza con panatura di grissini

Le fettine di lonza con panatura di grissini sono un’idea molto semplice per un secondo insolito e sfizioso, una gustosa variante della classica cotoletta. Io le adoro per la loro croccantezza, trito volutamente i grissini in maniera grossolana proprio per sentirli sotto i denti quando gusto questo delizioso piatto! 😀
Anche la mia bimba ne va matta, proprio per il loro gusto e la loro semplicità.
Alla domanda “si può fare al forno?” rispondo subito di sì, anche se le fettine fritte sono più buone 😛 Io dico sempre che con il fritto non bisogna abusare, ma che se è fatto a regola d’arte, ovvero con l’olio ben caldo (ma non bruciato!), che non penetra quindi nel cibo rendendolo unto, è anche meno pesante di ciò che sembra 😉
Pronta in pochissimo tempo, la lonza con panatura di grissini è un piatto con cui andare a colpo sicuro se volete far felici i vostri ospiti!
Eccovi la ricetta 🙂

Lonza con panatura di grissini

Lonza con panatura di grissini

Ingredienti per 4 persone:

600 gr di lonza di maiale a fettine
150 gr di grissini torinesi
50 gr di farina
1 uovo
Olio EVO
Sale

Preparazione:

Mettere i grissini in un sacchetto per surgelati e tritarli grossolanamente usando un bicchiere o un batticarne, poi porli in una ciotola.
Preparare altre due ciotole, una con la farina e l’altra con l’uovo sbattuto ed un pizzico di sale.
Salare le fettine di lonza massaggiandole con le mani.
Passare le fettine di carne nella farina, poi nell’uovo ed infine nei grissini panati.
Lasciare riposare almeno 15 minuti in frigorifero.
In una padella, scaldare dell’olio EVO (deve ricoprire il fondo) e quando è ben caldo friggere le fettine di lonza con panatura di grissini su entrambi i lati fino a doratura.
Buon appetito!

Cerchi altre ricette con la lonza? Clicca qui!

Segui il mio nuovo canale youtube!

Lonza con panatura di grissini

Precedente Ravioli di baccalà al vapore con ricotta allo zenzero Successivo Giornata mondiale del latte, fonte di vita

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.