Gattò di cavolfiore e patate

Cari lettori, oggi vi spiego come preparare il gattò di cavolfiore e patate, una golosissima rivisitazione del classico gattò (o gateau, dato che il termine viene dal francese) che ho arricchito con gli ultimi cavolfiori della stagione: una bontà!

Confesso che, pur amando moltissimo il gusto del cavolfiore, la sua consistenza non mi fa impazzire, soprattutto quando viene servito semplicemente lessato: riducendolo in purea, riesco quindi ad adattarlo perfettamente alle mie preferenze!

Gattò di cavolfiore e patate-2
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:1 ora
  • Cottura:20 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • Cavolfiore 1
  • Patate 600 g
  • Latte 500 ml
  • Uova 1
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 2 cucchiai
  • Noce moscata
  • Sale
  • Pepe nero
  • Pangrattato 50 g
  • Prosciutto cotto 200 g
  • Scamorza (provola) 200 g
  • Prezzemolo

Preparazione

  1. Pelate le patate e tagliatele a cubetti.

    Tagliate le cime del cavolfiore.

  2. gattò cavolfiore e patate passo passo 1

    Lessate tutto insieme in abbondante acqua salata per circa mezzora, poi scolate e riducete il tutto a purea usando uno schiacciapatate o una forchetta.

  3. gattò cavolfiore e patate passo passo 2

    Trasferite il composto in una pentola e aggiungete il latte, il burro e l’uovo.

  4. Aggiungete il parmigiano, regolate di sale e di pepe e aggiungete un pizzico di noce moscata.

    Fate cuocere per circa cinque minuti, fino a fare addensare bene la purea.

  5. Imburrate una pirofila e versateci all’interno metà della purea.

    Livellate bene con un cucchiaio o una spatola.

  6. Ricoprite la superficie con uno strato di prosciutto e uno di formaggio.

  7. Rivestite tutto con la purea restante.

  8. Cospargete il pangrattato in superficie e completate con qualche ciuffetto di burro.

  9. Cuocete il gattò di cavolfiore e patate in forno preriscaldato in modalità ventilata a 190° per mezzora circa, o comunque fino a doratura della superficie.

    Estraetelo dal forno e servitelo a fette caldo o tiepido, completandolo a piacere con un po’ di prezzemolo tritato.

Note e consigli:

  • Se volete, potete cuocere le patate e il cavolfiore nel latte, verrano ancora più gustosi!
  • Potete variare la farcitura a vostro piacimento, variando i salumi o i formaggi;
  • Potete cuocere il gattò anche in forno statico a 200° per mezzora circa.

Seguitemi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Non perdetevi le mie dirette quotidiane su facebook prima di pranzo!

Per restare sempre aggiornati sulle mie ricette, iscrivetevi alla newsletter!

Precedente Uova alla scozzese Successivo Muffolette gourmet con burger di salmone, piacentino e cipolle caramellate

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.