Falsomagro

Il falsomagro è un goloso arrosto ripieno tipico siciliano, con dentro ogni ben di Dio: carne tritata, cipolla, salumi, uova… Ma, anche se il suo nome potrebbe fare pensare a questa contraddizione, è in realtà di origine francese. Il falsomagro si diffuse infatti in Sicilia durante il periodo di dominio aragonese, ed è una parola composta da farce (farcia) e “magro”, per cui il significato letterale è proprio quello di un arrosto farcito.
Esistono tantissime varianti del falsomagro: si può personalizzare infatti nel ripieno ma anche nella salsa (si può cuocere “in bianco” o con la salsa di pomodoro). Io vi propongo la mia, sperando di stuzzicare la vostra voglia di sperimentare questa bontà…vi immaginate che figurone domenica a pranzo? 😉

Falsomagro

Falsomagro

Ingredienti per 4 persone:

800 gr di tasca di vitello in unica fetta sottile (chiedete al macellaio di prepararvela)
500 ml di latte
200 gr di carne di manzo tritata
200 gr di carne di maiale tritata
100 gr di lardo a fettine sottili
150 gr di salame a maglia grossa (tipo Napoli) a fettine sottili
2 cipollotti
4 uova
1/2 bicchiere di vino rosso
1/2 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di noce moscata
1 cucchiaio di caciocavallo grattugiato
2 cucchiai di pangrattato tostato
1 cipolla
300 ml di passata di pomodoro
500 ml di brodo di carne
Olio Evo
Sale, pepe

Preparazione:

Per prima cosa, mettere la carne in ammollo nel latte, coprire con una pellicola trasparente e lasciare riposare per un’ora in frigorifero.

Nel frattempo, preparare la farcitura: in una ciotola, mischiare le due carni tritate con un uovo, il caciocavallo grattugiato, il pangrattato, la cannella, la noce moscata, mezzo bicchiere di vino, un po’ di sale e di pepe.
Coprire e lasciare riposare in frigorifero.
Pulire i cipollotti e tagliarli a metà.
Bollire le altre 3 uova fino a farle diventare sode, poi sbucciare.

Strizzare la carne e stenderla un un largo tagliere, poi massaggiarla con un pizzico di sale.
Rivestire con uno strato di lardo, uno di salame ed uno di carne macinata.
Al centro, posizionare le uova in fila ed attorno mettere i cipollotti.
Ricoprire con qualche fettina di salame.

Arrotolare la carne su se stessa e legare bene con uno spago da cucina.

Tritare finemente la cipolla e far soffriggere in olio d’oliva in un capiente tegame.
Fare rosolare la l’arrosto su tutti i lati.
Aggiungere la passata di pomodoro ed il brodo di carne, abbassare la fiamma e coprire.
Lasciar cuocere per circa due ore, avendo cura di girare ogni tanto l’arrosto per farlo cuocere ed insaporire in maniera uniforme.
Negli ultimi 30 minuti di cottura, scostare un po’ il coperchio in modo da permettere al sughetto di evaporare e diventare più denso.
Spegnere il fuoco, togliere l’arrosto e porlo su un tagliere.
Lasciarlo intiepidire per circa 15 minuti (servirà anche per farlo compattare meglio), poi togliere lo spago e tagliare a fette la carne.
Servire cospargendo con il sughetto di cottura.
Buon appetito!

Seguimi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Per restare sempre aggiornato sulle mie ricette, iscriviti alla newsletter!

 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Precedente Spaghetti al pesto di mozzarella e pomodorini con mandorle tostate Successivo Risotto vongole e fiori di sambuco

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.