Crea sito

Cuccìa alla ricotta, ricetta tradizionale per Santa Lucia

Cuccìa alla ricotta, ricetta tradizionale per Santa Lucia

Il cibo è cultura, e racconta le nostre radici.
E’ questo il caso della cuccìa alla ricotta, il dolce tradizionale del giorno di Santa Lucia, che si festeggia il 13 dicembre, ed è una festa particolarmente sentita a Siracusa, di cui è la Santa protettrice, e a Palermo.
La leggenda racconta infatti che, nel 1646, in seguito a una grande carestia, Santa Lucia salvò la città di Palermo facendo approdare al porto un bastimento carico di grano: la gente, ormai affamata, non aspettò di molire il grano per ricavarne la farina, ma lo cucinò così com’era: da là viene la tradizione della cuccìa, che in dialetto significa semplicemente grano.
A Siracusa e Caltanissetta (e in misura minore nelle altre province) si ha l’abitudine di mangiare la cuccìa salata semplicemente con un filo d’olio, mentre in Sicilia occidentale, Palermo in particolare, è tradizione prepararla dolce con una crema di ricotta.
Il giorno di Santa Lucia, infatti, non si consumano farinacei (a Palermo i panifici sono addirittura chiusi!) e i bar pullulano di cuccìa e arancine di ogni tipo!
La preparazione della cuccìa è un po’ lunga, non per la ricetta di per sé che è semplicissima, ma per la preparazione del grano, che ha bisogno di stare almeno due giorni in ammollo prima di essere cucinato.
Ormai in commercio si trova il grano cotto, che rende la preparazione molto più rapida, ma secondo me vale la pena realizzare la ricetta come tradizione comanda!
Vediamo insieme come si prepara.

Se volete, potete vedere come ho preparato la cuccìa alla ricotta nelle storie instagram!

Cuccìa alla ricotta, ricetta tradizionale per Santa Lucia
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo2 Giorni
  • Tempo di cottura2 Ore
  • Porzioni6 porzioni circa
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la cuccìa:

  • 230 ggrano cotto
  • 500 gricotta di pecora (o di vacca)
  • 100 gzucchero
  • 2 cucchiaigocce di cioccolato (o cioccolato a scaglie)
  • 2 cucchiaizuccata (zucca candita) (facoltativa)

Per la decorazione:

  • q.b.granella di pistacchi
  • frutta candita
  • cannella in polvere
  • gocce di cioccolato (o scaglie di cioccolato)

Preparazione

  1. cuccìa alla ricotta _2598

    Se partite dal grano secco, abbiate cura di metterlo in ammollo 2-3 giorni prima della preparazione, cambiando l’acqua quotidianamente.

  2. Dopo l’ammollo, il grano va cotto.

    Potete prepararlo in pentola tradizionale (serviranno 2-3 ore) oppure in pentola a pressione (45 minuti – 1 ora).

    Il grano sarà cotto quando i chicchetti inizieranno a spaccarsi.

    Se utilizzate la pentola a pressione, potrebbe essere necessario interrompere la cottura per via della schiuma del grano in cottura: in tal caso, fate sfiatare la pentola, sciacquate bene il coperchio e ricominciate.

  3. cuccìa alla ricotta _2599

    Quando il grano è cotto, scolatelo e fatelo raffreddare completamente.

  4. cuccìa alla ricotta _2600

    Setacciate per bene la ricotta (vi consiglio di passarla al setaccio almeno tre volte), poi lavoratela a lungo con lo zucchero, fino a ottenere una crema morbida.

    Io non amo i dolci molto zuccherati e quindi il quantitativo della mia ricetta è basso, ma se preferite potete dolcificare maggiormente la ricotta.

  5. cuccìa alla ricotta _2601

    Unite la zuccata e le gocce di cioccolato alla vostra ricotta.

    A questo punto, aggiungete anche il grano e fate amalgamare per bene.

  6. Trasferite la cuccìa alla ricotta in una grande pirofila oppure in ciotoline monoporzione e decorate a piacere con granella di pistacchi, un pizzico di cannella, goccine di cioccolato e/o frutta candita.

    Conservate in frigorifero fino al consumo.

    La vostra cuccìa alla ricotta è pronta: buona Santa Lucia a tutti!!!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.