Ciambella integrale alla ricotta con pesche e mandorle

Buongiorno amici!

Io sono ormai rientrata dalle ferie (si fa per dire!) e la mia cucina sta tornando a lavorare a pieno regime! Oggi inizio subito offrendovi una fetta della mia ciambella integrale alla ricotta con pesche e mandorle, soffice, profumata e genuina!

Le pesche sono fra i frutti estivi che preferisco (anche se, francamente, di anno in anno le trovo meno saporite e, purtroppo, sempre più “pompate”), sia da gustare sole che come base per realizzare dolci golosi, e ora che stanno finendo ne approfitto per prepararle in tutti i modi!

Non mi resta che lasciarvi la ricetta: se la provate, fatemi sapere se vi riesce!

Ciambella integrale alla ricotta con pesche e mandorle
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    35 minuti
  • Porzioni:
    8 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Uova 3
  • Zucchero di canna 150 g
  • Farina integrale 180 g
  • Farina di mandorle 70 g
  • Farina 00 50 g
  • Ricotta 250 g
  • Lievito in polvere per dolci 1 bustina
  • Pesche 200 g

Preparazione

  1. Lavorare le uova con lo zucchero con le fruste finché non sono ben gonfie.

  2. Unire la farina integrale, la 00 e quella di mandorle e amalgamare alle uova.

  3. Lavorare la ricotta con una forchetta e aggiungere all’impasto, infine aggiungere il lievito.

  4. Sbucciare le pesche e tagliare a piccoli cubetti, poi unire all’impasto e mischiare per bene il tutto.

  5. Imburrare e infarinare uno stampo per ciambelle da 22-24 cm e versarvici l’impasto.

  6. Cuocere in forno preriscaldato in modalità statica a 180° per circa 35 minuti, poi estrarre dal forno, cospargere di zucchero di canna e rimettere in forno in modalità grill per qualche minuto per farlo caramellare (in alternativa si può utilizzare un cannellino).

    Estrarre dal forno, lasciare raffreddare, togliere delicatamente dallo stampo e servire a fette.

    Buon appetito, la torta integrale alla ricotta con pesche e mandorle è pronta per essere gustata!

Note e consigli:

  • La farina di mandorle può essere sostituita frullando 70 gr di mandorle spellate;
  • E’ possibile utilizzare il forno ventilato a 170° per circa 25 minuti;
  • Per verificare la giusta cottura della ciambella, fare la “prova stecchino”: infilzare uno stecchino nella parte più profonda dell’impasto: se esce asciutto, è cotto;
  • Non aprire il forno durante i primi 20 minuti di cottura: la ciambella potrebbe sgonfiarsi:
  • Conservare in un contenitore ermetico per 3-4 giorni al massimo.

Seguitemi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Per restare sempre aggiornati sulle mie ricette, iscrivetevi alla newsletter!

Precedente Pasticcio di patate con crudo e formaggio Successivo Pasta con crema di zucca, speck e pistacchi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.