Brodo di carne

Il brodo di carne è un classico della cucina casalinga, saporito e genuino.

A Ragusa, è tradizione gustare il brodo di carne in occasione della festa patronale di San Giovanni Battista, da calendario sarebbe il 24 giugno, ma che noi festeggiamo il 29 agosto, anniversario della morte e non della nascita del santo.

Tale scelta viene storicamente da un’esigenza pratica: dato che a inizio estate tutta la gente lavorava nei campi, si è scelto di festeggiare a fine agosto perché era il periodo di rientro dai lavori rurali, in cui la popolazione aveva più tempo per onorare il santo a dovere.

Il menù tradizionale di San Giovanni, che a casa di mio marito è una festa sentitissima con una tavolata più grande di quella di Natale, prevede brodo di gallina e di carne di vitello (o solo di gallina) con i quadrucci all’uovo e, per secondo, la gallina ripiena, detta u cinu, che però, lo confesso, non ho ancora avuto il coraggio di preparare da capo a fondo!

Tornando al nostro brodo, è naturalmente una preparazione che richiede tempo per insaporirsi per bene, anche se io lo preparo con la pentola a pressione, riuscendo in questo modo a ridurre i tempi di cottura avendo allo stesso tempo un brodo intenso e concentrato.

Il trucco per donare al brodo “quel gusto in più”? Basta aggiungere un cucchiaio di miele, trucchetto ereditato dalla suocera!

Naturalmente, la carne e le verdure lesse possono essere gustate come secondo: io consiglio di condirle con olio, limone e pepe nero.

Eccovi la ricetta, provatela e, se vi va, svelatemi i vostri trucchetti per un brodo perfetto!

Brodo di carne
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:10 minuti
  • Cottura:30 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Carne di vitello (per spezzatino) 500 g
  • Carne di pollo (parti a scelta) 600 g
  • Carote 2
  • Patate 2
  • cipolla 1
  • Sedano 2 coste
  • Alloro Qualche foglia
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe nero

Preparazione

  1. Se è intera, tagliare la carne a tocchetti e separare le parti del pollo (ma io ho acquistato tutto già a pezzi).

  2. Pelare le carote e tagliarle in 3 parti, pelare le patate e tagliarle a cubetti abbastanza grossi (circa 6-8 per patata).

    Spellare la cipolla e tagliarla a fette non troppo sottili.

    Pulire il sedano e tagliarlo a fettine sottili.

  3. Per la cottura potete utilizzare una pentola normale o una a pressione.
    Far soffriggere la cipolla e il sedano in olio d’oliva, aggiungere la carne e fare rosolare qualche minuto salando e pepando.

  4. Unire le patate e le carote, riempire d’acqua fino a ricoprire completamente la carne, regolare di sale e di pepe, poi aggiungere l’alloro e il miele.

  5. Per chi usa la pentola a pressione:
    Far cuocere per 40 minuti dal momento del fischio (i primi minuti a fiamma vivace, appena la pentola fischia abbassare la fiamma al minimo).

  6. Per chi usa la pentola normale:
    Far cuocere per almeno 2 ore con il coperchio a fiamma molto bassa, controllando regolarmente se bisogna aggiungere acqua.

  7. Quando il brodo è ben cotto, controllarne la sapidità ed aggiustare di sale.
    Prelevare la carne e le verdure con una schiumarola e porle in un’insalatiera. Filtrare grossolanamente il brodo e, a piacere, cuocervi la pastina all’uovo.

  8. https://blog.giallozafferano.it/mastercheffa/brodo-di-carne/

Note e consigli:

  • Chi vuole, può evitare il soffritto, tagliare la cipolla a metà e metterla direttamente nel brodo assieme al sedano a listarelle;
  • Per una versione più leggera del brodo, è possibile togliere la schiuma in cottura oppure lasciarlo raffreddare ed eliminare il grasso che si deposita in superficie.

Seguitemi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Per restare sempre aggiornati sulle mie ricette, iscrivetevi alla newsletter!

Precedente Spezzatino di maiale alla birra Successivo Crumble cheesecake zucca e vaniglia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.