Crea sito

Biscotti bolliti ragusani (biscotti scaurati)

Biscotti bolliti ragusani (biscotti scaurati)

Anche se parlando di Ragusa si pensa subito alle scacce, le delizie tradizionali della mia città sono davvero innumerevoli!

Oggi, per esempio, voglio spiegarvi come si preparano i biscotti bolliti ragusani, i cosiddetti biscotti scaurati o affuca parrini (strozzapreti), croccanti biscottini prima sbollentati e poi cotti in forno che si gustano come snack fra il dolce e il salato, un po’ come i taralli.

I biscotti scaurati sono aromatizzati con un po’ di succo di limone e semini di anice o di finocchietto, che li rendono ancora più sfiziosi!

Per la loro tipicità, i biscotti bolliti sono stati inseriti anche nell’Elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo.

Eccovi la ricetta, corredata da foto passo passo per facilitarvi nell’esecuzione!

Se volete, potete vedere come ho realizzato i biscotti bolliti ragusani in diretta facebook!

Biscotti bolliti ragusani (biscotti scaurati)
  • Preparazione: 3 Ore
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni:
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • Semola di grano duro rimacinata 200 g
  • Farina di grano tenero (maiorca) 100 g
  • Strutto 25 g
  • Zucchero 50 g
  • Uova 2
  • Limone 1/2
  • Semi di anice 1 cucchiaio

Preparazione

  1. Mettete la farina di semola rimacinata e quella di grano tenero in una ciotola e aggiungete lo zucchero.

  2. biscotti bolliti ragusani passo passo 1

    Unite anche lo strutto e le uova e lavorate il tutto.

  3. Aggiungete il succo di mezzo limone e un filo d’acqua, giusto il quantitativo necessario ad assorbire tutta la farina, ma l’impasto deve essere molto compatto.

  4. Infine aggiungete i semi di anice.

  5. Continuate a lavorare il tutto su una spianatoia fino a quando l’impasto non è liscio e omogeneo.

  6. Suddividete il panetto in 3-4 tocchetti e create dei cordoncini.

    A questo punto, potete realizzare i biscotti bolliti piccoli (secondo me i più buoni perché più croccanti) tagliando tanti tocchetti, come se fossero gnocchi.

  7. In alternativa, potete fare dei biscotti più grandi e artistici, come le coroncine in foto.

  8. Mettete abbondante acqua a bollire in una pentola.

    Quando arriva a ebollizione, aggiungete un filo d’olio e immergete i biscotti.

    Fate cuocere 3 minuti quelli piccoli, 5 minuti quelli grandi.

  9. Scolate i biscotti su un piano di legno leggermente inclinato e poi trasferiteli su un canovaccio.

    Lasciate asciugare completamente i biscotti per almeno due ore, meglio se per una notte intera.

  10. Cuocete i biscotti bolliti ragusani in forno ventilato preriscaldato a 200° per 12-15 minuti, o comunque fino a doratura.

    Estraete dal forno e lasciate raffreddare completamente, poi gustate o conservate i vostri biscotti scaurati in un contenitore ermetico: si mantengono anche per due settimane!

Note e consigli:

  • Potete sostituire i semi di anice con quelli di finocchietto;
  • Potete cuocere i biscotti anche in forno statico a 220° per 15-20 minuti;
  • Potete sostituire lo strutto con l’olio extravergine di oliva ma i biscotti verranno più duri.

Seguitemi anche sui social!

Facebook – Instagram – Pinterest – Twitter – Google+ – Youtube

Per restare sempre aggiornati sulle mie ricette, iscrivetevi alla newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.