Crea sito

Fugazza vicentina

Fugazza vicentina

Fugazza vicentina

La fugazza è un termine che indica due specialità regionali italiane: una ciambella dolce trentina e la focaccia vicentina qui descritta, che io amo alla follia fin da quando ero piccola e che, di solito, si prepara nel periodo pasquale (a casa nostra anche pre-pasquale, post-pasquale… insomma… l’occasione la trovo sempre!).

Potete accompagnare la fugazza vicentina con una delicata crema inglese servita in una salsiera a parte, personalmente a me piace di più nature!

La ricetta viene da un vecchio foglio stropicciato di qualche rivista strappata da una mia amica tanti anni fa perché gliela preparassi… e da quel giorno non ho mai cambiato.

Ingredienti:

–       150 g di pasta di pane

–       500 g di farina bianca

–       50 g di mandorle tritate (facoltative)

–       50 g di zucchero in granella (facoltative)

–       150 g di zucchero

–       5 uova

–       la scorza grattugiata di 1 limone

–       10 g di lievito di birra

–       1 bustina di vanillina

–       latte q.b.

–       150 g di burro

–       sale q.b.

Preparazione:

Mettete sulla spianatoia la pasta di pane e aggiungete 150 g di farina e il lievito diluito in un po’ di latte tiepido; amalgamate tutto unendo, se serve, un altro po’ di latte tiepido sino ad ottenere un impasto sodo, che lascerete lievitare coperto in una terrina per circa 1 ora.

Riprendete il panetto, create una cavità al centro e versateci dentro 2 uova intere e un tuorlo, 150 g di farina e 75 g di burro ammorbidito. Impastate sbattendo più volte l’impasto sul tavolo (ma quanto mi diverto???) in modo da renderlo elastico e rimettetelo nuovamente nella terrina coperta per un’altra ora.

Riprendete l’impasto, unite la scorza di limone, la farina e il burro restanti, lo zucchero, la vanillina, un pizzico di sale e 2 uova; impastate tutto di nuovo finchè il panetto risulterà omogeneo e liscio, praticatevi un taglio a croce sulla sommità e lasciatelo lievitare altre 2 ore.

Montate a neve ben soda l’albume rimasto.

Riprendete l’impasto e lavoratelo per circa 10 minuti; poi mettetelo in uno stampo foderato di carta forno oppure ben imburrato, spennellate sopra l’albume, cospargetevi sopra le mandorle tritate e la granella di zucchero se piace e infornate in forno preriscaldato a 180° per 50 minuti.

Servite la fugazza vicentina quando è ben fredda.

La fugazza vicentina si conserva parecchi giorni avvolta in un foglio di alluminio.

Clicca mi piace alla mia pagina Facebook cliccando qui e non perderai nessuna ricetta

Fugazza vicentina

14 Risposte a “Fugazza vicentina”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.