Crea sito

Confettura di marroni alla vaniglia

 

Confettura di marroni alla vanigliaConfettura di marroni alla vaniglia

Passeggiare sui colli in ottobre e novembre è sempre meraviglioso… mille colori, scricchiolii, la ricerca dell’ultimo raggio di sole per scaldarsi un pochino e, perché no, la raccolta di castagne e marroni già pensando alla preparazione di una dolcissima confettura.

Questa confettura di marroni alla vaniglia è veramente semplice da preparare e il suo utilizzo decisamente molteplice… crostate, ripieni, abbinamenti alla cioccolata, o semplicemente mescolato a della ricotta o a del mascarpone o a della panna montata per un golosissimo e velocissimo dessert, abbinato magari a delle meringhe o a dei marron glassee sbriciolati…

La ricetta della confettura di marroni alla vaniglia l’ho trovata in un vecchissimo ricettario della nonna… con le pagine ingiallite e con molti segnalibri o piccole macchioline che mi fanno tornare alla mente i pomeriggi in cucina mentre impastavamo e lei mi chiamava Martolina…

Ingredienti:

       1 kg di marroni

       750 gr di zucchero

       1 bustina di vaniglia

       una manciata di sale grosso

       2 l di acqua

       1 bicchiere di cognac

Preparazione:

Intagliare i marroni nella parte piatta e nel senso della lunghezza con un coltellino a lama liscia e corta, senza però arrivare alla polpa.

In una pentola sufficientemente grande far bollire l’acqua nella quale avrete fatto sciogliere il sale frosso e versarvi dentro i marroni fino a cottura (ci vorrà circa un’ora e mezza; io utilizzo di solito la pentola a pressione e sono necessari 25-30 minuti al massimo).

Scolare i marroni, sbucciarli e privarli della loro pellicina.

Versare in una pentola mezzo litro di acqua, unirvi lo zucchero e portare ad ebollizione a fuoco basso, mescolando affinchè lo sciroppo si sciolga bene; abbassare la fiamma e proseguire la cottura fino a che il composto si sia addensato e si siano create delle grosse bolle.

Togliere dal fuoco e far intiepidire.

Nel frattempo, passare i marroni al setaccio, aggiungere la vaniglia e versare il composto ottenuto nella pentola con lo sciroppo, mescolando bene.

Rimettere sul fuoco a fiamma bassa e cuocere circa un’oretta.

Alla fine spegnere, lasciare intiepidire e aggiungere il cognac.

Invasare e chiudere ermeticamente come d’abitudine (io, come sempre, utilizzo il metodo “microonde”: verso la confettura di marroni alla vaniglia, ancora calda, nei vasetti aperti, li metto in microonde fino al primo bollore – ci vuole pochissimo, mi raccomando – e, quando li estraggo dal forno, li chiudo bene e li metto a testa in giù. Dopo poco sentirete il fatidico Clap…).

Clicca mi piace alla mia pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta

Confettura-marroni-B-1200x1200Confettura-marroni-B2-1200x1200

8 Risposte a “Confettura di marroni alla vaniglia”

  1. Io adoro la confettura di marroni, l’altro giorno me ne sono comprata due barattoli, ma credo sia il caso che inizi a farmela da sola. La tua ricetta è da provare quanto prima. Ciao

    1. Ciao Silvana! Sìììì. se ti piace anche solo la metà di quanto piace a me… vale davvero la pena prepararla in casa!
      Buona Giornata!
      Marta

    1. Ciao! Questa volta non ho utilizzato il micro, volevo seguire pedissequamente la ricetta della nonna… ma… proverò la versione micro e ti faccio sapere, promesso!
      Buona serata, Marta

  2. Hola Martolina, per caso hai provato a produrre la marmellata alle castagne con micro? Io ho comprato delle belle castagne surgelate e vorrei tanto poter realizare una buona marmelata alle castagne! un bacio anama
    P.S. ho provato tutte le tue ricette al micro ….buonissime

    1. Ciao! No, non ho mai provato… strano ma vero!!! Comunque tu utilizza il solito metodo, considera metà tempo e vedrai che ne uscirà perfetta!!! però ti do un incarico: raccontami tutto dopo!!!! 🙂 Un abbraccio e Buone Feste, Marta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.