Crea sito

Tortelli al caffè degli asinelli

Tortellini al caffè in brodo di zenzero

Tortelli al caffè etiopico ripieni di salmone e stracchino in brodo allo zenzero e basilico.
Quando immagini un piatto e poi ti trovi davanti esattamente ciò che immaginavi per gusto e aspetto ti senti completamente appagato. Il caffè ormai è diventa una spezia indispensabile e devo dire che in questi tortelli è meraviglioso.
Sicuramente la particolarità del caffè disarma il tradizionalista, ma in fin dei conti anche gli emiliani adoreranno l’abbinamento.

  • DifficoltàAlta
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti dei tortelli al caffè

Cercate di utilizzare delle buone farine e soprattutto un ottima grana per il caffè, annusare e magari assaggiare vi può aiutare a equilibrare le percentuali..

La Pasta

Il Ripieno

  • 250 gsalmone affumicato
  • 200 gstracchino
  • q.b.erba cipollina
  • q.b.sale
  • q.b.pepe nero

Il Brodo

  • 1 gambosedano
  • 1cipolla
  • 1carota
  • q.b.bacche di ginepro
  • q.b.pepe in grani
  • 1 fogliaalloro
  • q.b.sale grosso
  • 4 fogliebasilico
  • 1 mazzettoprezzemolo
  • 3 fettezenzero fresco

Preparazione tortelli al caffè

La pasta fresca è un arte meravigliosa, iniziate prendendovene cura per poi passare al brodo, il ripieno è semplice perciò arrivateci con calma, saranno pure dei tortelli al caffè.. ma è pur sempre un tortello perciò dategli la giusta attenzione.

La Pasta

  1. 150 tortelli circa, ho usato le nozioni base per una pasta all’uovo, ma ovviamente con qualche variante..

    Ho impastato per 20 min circa e poi messa in frigo a riposare per 30min, per poi riprenderla e stenderla sottilissima e farcirla.

Il Ripieno

  1. Per il ripieno ho mescolato con una forchetta il salmone precedentemente tagliato i pezzi piccoli con lo stracchino aggiungendo dell’erba cipollina alla farcia, sale e pepe senza esagerare!

Il Brodo

  1. Sono partito con il classico brodo vegetale di sedano, carota e cipolla a cui ho aggiunto, sempre a freddo, alloro, bacche di ginepro, prezzemolo, basilico, sale grosso, pepe in grani e zenzero. Ho fatto cuocere per un’ora e l’ho passato in un colino stretto per eliminare eventuali residui.

    Ho ripreso lo zenzero cotto e ammorbidito con qualche foglia di basilico fresco, due cubetti di ghiaccio e frullato il tutto, per poi passarlo al colino e ricavarne il succo che ho aggiunto al brodo caldo.

IL CONSIGLIO..

La pasta potete utilizzarla anche per altre ricette come per esempio i cannoli salati al caffè che trovate sempre nella rubrica #caffesalato .

4,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da martanoskitchen

La cucina è come una bella donna, per conquistarla devi dare sempre il meglio di te, ricordandoti sempre che un pizzico di pepe non guasta mai..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.