Risotto zucca e porchetta

Risotto con vellutata di zucca, scamorza affumicata e cialda di porchetta croccante.

Ne ho fatti di risotti mescolando sapori, odori e colori cercando sempre qualcosa di nuovo… e poi… eccolo.. forse uno dei migliori, semplice ma non banale nel sapore, deciso ma morbido, insomma mi ha così stregato che la cialda si è tramutata in un cigno e il riso nel suo lago.. in fin dei conti quel che esce da una cucina è pura magia..

l’incantesimo del lago
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni3
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il risotto zucca e porchetta

20 g porro
80 g burro
q.b. olio di oliva
500 ml brodo vegetale
500 g zucca violina (Vellutata)
80 g porchetta (Toscana)
80 g scamorza affumicata
q.b. pepe bianco
1 bicchiere prosecco (Potete usare anche del vino bianco)

Strumenti

Passaggi per risotto zucca e porchetta

Come prima cosa prepariamo un buon brodo vegetale a piacimento e poi dedichiamoci alla vellutata, io l’ho preparata la sera prima e con quella rimasta ho deciso di farci il risotto.

Per la vellutata ho usato una zucca violina intera, una patata rossa, porro, zenzero ed aromi vari ma come per il brodo anche in questo caso fatevi guidare dal gusto.

Iniziamo il risotto facendo rosolare in metà burro e un goccino d’olio il porro tagliato finemente dopo che sarà appassito (senza bruciare) aggiungiamo il riso e tostiamo per un minuto a fiamma moderata e girando spesso, sfumiamo con il prosecco e dopo che l’alcol sarà evaporato iniziamo con il brodo.

Accendiamo il forno a 170° ventilato e nel frattempo tagliamo a cubetti piccoli piccoli la scamorza e il grana e lasciamoli da parte, quando il forno sarà arrivato a temperatura su della carta forno mettiamo a tostare la pancetta controllando spesso e quando vedremo che avrà rilasciato tutto il grasso sarà praticamente pronta.

Arrivati a 2/3 della cottura del risotto incorporiamo la vellutata e smettiamo di bagnare con il brodo.

Aggiungiamo una bella grattata di pepe giriamo e spegniamo il fuoco incorporiamo I formaggi ed il restante burro e mantechiamo energicamente, quando il tutto sarà ben incorporato facciamo riposare per un minuto.

Impiattiamo a piacimento decorando il risotto con la porchetta croccante e buon appetito!

Se vi è piaciuta questa ricetta provate anche questa RISOTTO ZUCCA E CORBEZZOLI

Il consiglio del sommelier

A questa sempre bella e golosa preparazione vorrei abbinare un vino prodotto con Malvasia Puntinata in purezza, proprio per rendere omaggio a Daniele con una tipicità della sua regione: Roma Malvasia Puntinata 2020 di Federici- Zagarolo (Roma)

https://www.vinifederici.it/

Giallo brillante, sensazioni olfattive e gustative in netto contrasto con gli ingredienti usati in questo risotto, ma che proprio per questo motivo ne accentuano le sensazioni.
Al naso arrivano Glicine, Mandarino e Mandorla sensazioni che esplodono anche all’assaggio lasciando un lungo ricordo di freschezza e finale agrumato.

Il consiglio è stato offerto da Patrizia sommelier del Ristorante Cavour di Ivrea

https://www.facebook.com/ristocavour/

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da martanoskitchen

La cucina è come una bella donna, per conquistarla devi dare sempre il meglio di te, ricordandoti sempre che un pizzico di pepe non guasta mai..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.