Crea sito

NON CHIAMARMI GRICIA..

Non chiamarmi gricia.. beh in effetti la base è della gricia ma all’infuori del guanciale ed il pepe il resto cambia… ho utilizzato parmigiano e non pecorino per la mantecatura, la cialda e il cremoso ed ho aggiunto della salvia croccante. Perciò può sembrare una gricia… ma piano con le parole…

  • DifficoltàAlta
  • Tempo di preparazione45 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

INGREDIENTI

Non chiamarmi gricia ma attenzione ugualmente ad equilibrare gli ingredienti.
  • 400 gspaghetti (Spaghetti n°5)
  • 200 gguanciale
  • 250 glatte intero
  • 25 gfarina 00
  • 25 gburro
  • q.b.farina di riso
  • 1 ramettorosmarino
  • fogliesalvia
  • q.b.sale
  • q.b.pepe nero
  • q.b.olio di semi di arachide

PREPARAZIONE DEL PIATTO

Il guanciale

  1. Tagliare il guanciale a fette spesse mezzo centimetro avendo cura di eliminare la cotenna, ricavarne dei pezzi abbastanza grandi e farlo sudare in padella; quando sarà croccante eliminarlo dalla padella e lasciarlo asciugare su carta assorbente lasciando il grasso rilasciato in padella.

La cialda

  1. Per la cialda al parmigiano preriscaldare il forno a 180° in modalità statica, foderare la leccarda con carta forno e dare la forma desiderata al parmigiano grattugiato. Infornare a forno ben caldo e controllare le cialde a vista, basteranno pochi minuti: saranno pronte quando saranno evaporati tutti i liquidi e prenderanno un aspetto solido.

Il cremoso

  1. Per il cremoso preparare un roux con burro e farina a fuoco basso, aggiungere il rametto di rosmarino (intero), 2/3 foglie grandi di salvia (intere), il latte, parmigiano e salare a piacere. Mescolare delicatamente con una frusta fino a raggiungere una consistenza non troppo densa. Togliere gli odori e setacciare il cremoso per eliminare eventuali residui.

La salvia

  1. Lavare e asciugare le foglie di salvia avendo cura di lasciarle un po’ umide per far aderire la farina di riso; friggerle in olio ben caldo per pochissimi secondi e farle asciugare su carta assorbente.

La pasta

  1. Cuocere la pasta in acqua salata, quando mancano 4 minuti al “dente” trasferire la pasta nella padella con il grasso precedentemente messa da parte e mantecare con due mestoli di acqua di cottura, un mestolo di cremoso, metà del guanciale croccante, parmigiano e pepe.

L’impiattamento

  1. Per un giusto equilibrio dei sapori, impiattate con il cremoso sul fondo del piatto, la pasta, il guanciale croccante rimanente, le chips di salvia, parmigiano grattugiato, il pepe e la cialda. Buon appetito!

Il consiglio..

Per creare delle cialde particolari potete divertirvi a creare delle forme con il cartone e rivestirle prima con carta alluminio e poi con carta forno. Oppure il padella fate sciogliere il formaggio e poi prima che si indurisca dare una forma aiutandosi con dei supporti.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da martanoskitchen

La cucina è come una bella donna, per conquistarla devi dare sempre il meglio di te, ricordandoti sempre che un pizzico di pepe non guasta mai..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.