Gnocchi di castagne e patate (per San Martino)

Gli gnocchi di castagne e patate sono un primo piatto dedicato a San Martino, che si festeggia l’11 novembre. Infatti, oltre al vino, nei proverbi che riguardano il giorno di San Martino compaiono anche le castagne e gli gnocchi. Le castagne, considerate il pane dei poveri, sono dei prodotti tipici del periodo e l’11 novembre venivano consumate arrostite, accompagnate da un bicchiere di vino rosso, ma si usava anche la loro farina per panificare. Agli gnocchi, invece, è legata l’usanza, nelle campagne, di traslocare nel giorno del Santo. Infatti, San Martino, oltre ad essere il patrono dei cavalieri, dei militari della guardia Svizzera Pontificia e dei sarti, è anche il santo dei traslochi: in molte zone “far San Martino” vuol dire proprio traslocare, perché l’11 novembre è tradizionalmente la data per il rinnovo dei contratti in scadenza dei contadini; a chi era scaduto il contratto e aveva una casa in uso, doveva liberarla proprio in questa data. Ai nuovi vicini c’era l’abitudine di offrire un piatto di gnocchi, che in alcuni paesi, ad esempio nella zona di Parma ma anche in Molise, venivano impastati con la farina di castagne, prodotto che era disponibile in abbondanza nelle campagne. In alcune versioni, l’impasto degli gnocchi viene preparato con le patate, e le castagne vengono usate per condirli.

Se mai dovessimo cambiare di nuovo casa (ma ne dovrebbe valere davvero la pena, ad esempio per una villa con piscina), mi affiderò a San Martino, dato che l’ultimo trasloco, fatto a luglio senza aria condizionata (tra l’altro, a ridosso del mio compleanno), è stato devastante. In effetti, è risaputo che i traslochi sono uno degli eventi più traumatici nella vita di una persona, tanto che quando nel 2017 eravamo in procinto di trasferirci a Sangio e mi recai al controllo annuale al Centro Cefalee, la neurologa scrisse sul referto “trasloco in corso”.

La ricetta degli gnocchi di castagne e patate è tratta dal libro “Santa pietanza” di Lydia Capasso e Giovanna Esposito.

Provate anche gli gnocchi di zucca e gli gnocchi di patate con burro, zucchero e cannella.

  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora 30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti

700 g patate rosse
50 g farina 00
150 g farina di castagne
1 uovo
q.b. sale

Per il condimento

q.b. burro
q.b. salvia
436,19 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 436,19 (Kcal)
  • Carboidrati 60,40 (g) di cui Zuccheri 8,75 (g)
  • Proteine 8,81 (g)
  • Grassi 17,88 (g) di cui saturi 10,33 (g)di cui insaturi 6,03 (g)
  • Fibre 8,50 (g)
  • Sodio 152,73 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 195 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Strumenti

1 Coltello
1 Pentola a pressione
oppure1 Pentola
1 Schiacciapatate
1 Ciotola
1 Cucchiaio
1 Forchetta
oppure1 tavoletta per gnocchi
1 Canovaccio
1 Pentola
1 Schiumarola
1 Padella
1 Cucchiaio di legno

Passaggi

Per preparare gli gnocchi di castagne e patate, per prima cosa sbucciate le patate e cuocetele. Io le ho lessate in pentola a pressione, senza cestello, per 14 minuti dal fischio (i tempi di cottura dipendono dalla grandezza delle patate) ma potete anche cuocerle al vapore o, in alternativa, lessarle, con la buccia, in una pentola normale.

Poi scolatele e passatele allo schiacciapatate ancora calde, facendo cadere la purea in una ciotola. Quindi, aggiungete le farine, l’uovo ed il sale, e lavorate fino ad ottenere un impasto elastico.

Ora formate dei rotolini poco più spessi di un dito, dopodiché tagliateli a pezzetti di circa 2 cm e rigateli passandoli sui rebbi di una forchetta o sull’apposita tavoletta. Quindi, disponeteli su uno strofinaccio infarinato.

A questo punto, lessateli in abbondante acqua poco salata. Saranno pronti non appena verranno a galla: ci vorranno un paio di minuti. Quindi, scolateli bene con una schiumarola e conditeli subito con il sugo prescelto. Io li ho conditi con burro, che ho fatto sciogliere in una padella, e salvia.

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi anche sulla mia pagina facebook https://www.facebook.com/michelavitantoniomanidipastafrolla/ o su Instagram https://www.instagram.com/mani_di_pasta_frolla/?hl=it

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.