Ragù alla bolognese

Il ragù alla bolognese è un caposaldo della cucina italiana. Per il pranzo di Pasqua il marito ed io (più il marito, in realtà, dato che la sottoscritta ha avuto uno dei suoi crolli fisici che le vengono quando si strapazza troppo) abbiamo fatto le lasagne alla bolognese, un classico della tradizione emiliana. Avremmo voluto fare anche le sfoglie in casa ma, ma alla fine le abbiamo comprate, rimandando quelle casalinghe ad un’altra occasione, perché avevamo già tanto da fare. Infatti, il marito ha fatto anche il pane con Pasqualino, il lievito madre arrivatoci il Mercoledì Santo (prossimamente scriverò la ricetta e vi parlerò del nuovo arrivato)!
Era da tanto che non facevamo le lasagne. Di solito, per il ragù alla bolognese seguivamo la ricetta di ricette.giallozafferano.it ma stavolta siamo partiti dal libro “La Cucina Regionale Italiana in oltre 5000 Ricette” di Alessandro Molinari Pradelli, regalatomi da mia cugina Ludovica per Natale. Però l’abbiamo semplificata, riducendo al minimo gli ingredienti: praticamente abbiamo fatto la versione base. Del resto, anche mia suocera, che è bolognese, lo fa più o meno così.
Fare il ragù alla bolognese non è così difficile come sembra: serve solo tempo per cuocerlo con calma. Infatti, la lunga cottura serve a dargli la giusta densità e ad avere una carne morbida. D’ora in poi credo proprio che lo faremo più spesso.



Ti piacciono le mie ricette? Seguimi anche sulla mia pagina facebook https://www.facebook.com/michelavitantoniomanidipastafrolla/ o su Instagram https://www.instagram.com/mani_di_pasta_frolla/?hl=it

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura3 Ore 40 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gCarne di suino (macinata)
  • 300 gCarne bovina (macinata)
  • 1noce di burro
  • 1 filoOlio extravergine d’oliva
  • 1Cipolla
  • 1Carota
  • 1 costaSedano
  • 1 bicchiereVino rosso (o bianco)
  • 300 gPassata di pomodoro (o pelati passati, oppure concentrato di pomodoro)
  • 500 gAcqua
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe nero

Strumenti

  • 1 Mezzaluna
  • 1 Tagliere
  • 1 Tegame Capiente
  • 1 Cucchiaio di legno

Preparazione

  1. Per preparare il ragù alla bolognese, per prima cosa mondate e tritate il sedano, la carota e la cipolla, dopodiché fateli soffriggere in un tegame capiente con una noce di burro e un filo d’olio, salando leggermente.

    Quando le verdure saranno appassite, unite la carne macinata, fatela rosolare a lungo, a fuoco medio, per circa 20 minuti, mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno, fino a quando risulterà asciutta.

    Poi bagnate con il vino, lasciatelo evaporare e aggiungete il pomodoro.

    A questo punto, abbassate la fiamma, aggiungete 250 g di acqua e proseguite la cottura, con coperchio, per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto.

    Passato questo tempo, aggiungete altri 250 g di acqua e proseguite la cottura per altre due ore circa, sempre con coperchio e mescolando ogni tanto.

    A fine cottura, regolate di sale e pepe.

NOTE

Nella ricetta originale del ragù alla bolognese era prevista anche la pancetta macinata (in realtà poi ho letto che con questo termine si intende la carne di maiale, che deve essere molto grassa) oppure, in alternativa, dei fegatini di pollo. Inoltre, era previsto, facoltativamente, del prosciutto crudo tritato, della salsiccia e del latte.

Il latte serve a rendere più cremoso il ragù e a smorzare il gusto del pomodoro ma anticamente si utilizzava una cucchiaiata di strutto (immancabile nelle cucine emiliane!), che può essere comunque aggiunta se la carne di maiale utilizzata è poco grassa.

Era previsto anche il brodo ma noi, al suo posto, abbiamo usato l’acqua, come abbiamo sempre fatto.

Potete preparare il ragù alla bolognese in anticipo e scaldarlo al momento del bisogno. Si conserva in un recipiente di vetro, coperto con pellicola, per due o tre giorni.

Se preferite, potete anche congelarlo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.