Cavolini di Bruxelles gratinati

Dovete sapere che ho conosciuto i cavolini di Bruxelles grazie al marito: prima non li avevo mai mangiati e non sapevo nemmeno cosa fossero. In questi anni li ho cucinati spesso, di solito lessati e conditi semplicemente con olio e sale, oppure ripassati in padella con burro e parmigiano.
Domenica scorsa, invece, ho preparato i cavolini di Bruxelles gratinati e li ho conditi con la besciamella che ho pubblicato ieri (trovate QUI la ricetta). Noi li abbiamo mangiati come contorno a delle fettine di carne ma sono buoni anche per accompagnare del pesce.
Anche questa ricetta è tratta dalle schede “Il Ricettario della Buona Cucina” della De Agostini.

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi anche sulla mia pagina facebook https://www.facebook.com/michelavitantoniomanidipastafrolla/ o su Instagram https://www.instagram.com/mani_di_pasta_frolla/?hl=it

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno

Ingredienti

  • 800 gCavolini di Bruxelles
  • 50 gparmigiano grattugiato
  • q.b.Sale
  • q.b.Burro (per la pirofila)

Per la besciamella

  • 50 gBurro
  • 300 mlLatte
  • 20 gFarina 00
  • 1 pizzicoNoce moscata
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe nero

Strumenti

  • 1 Pentola
  • 1 Tegame piccolo
  • 1 Pirofila
  • 1 Coltello piccolo
  • 1 Cucchiaio di legno

Preparazione

  1. Per prima cosa, mondate i cavolini eliminando le foglie esterne rovinate. Poi lavateli e lessateli in una pentola con acqua leggermente salata per circa 10 minuti.

    Intanto, preparate la besciamella secondo la ricetta che trovate QUI.

    Quando i cavolini sono cotti, scolateli e metteteli in una pirofila leggermente imburrata.

    A questo punto, versate la besciamella sui cavolini e cospargete con il parmigiano ed il burro rimasto a fiocchetti.

    Infine, fate cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per circa 30 minuti, fino a quando la superficie risulterà dorata. Servite caldi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.