Polvere di scorza di arancia

Polvere di scorza di arancia perfetta per aromatizzare dolci, bevande e anche preparazioni salate per esaltarne il gusto aggiungendo una nota aromatica di grande valore!

E sempre un peccato buttare le belle scorze delle belle arance come le chiamo da sempre! Non fatelo, delle arance si utilizz davvero tutto e le scorze, ormai lo sapere, sono sempre protagoniste in tante mie ricette, dalla torta di sole scorze frullate, alle bucce d’arancia candite con metodo classico o con quello veloce. E poi ci sono le caramelle, la spalmabile… Che meraviglia!

Salvate allora questa ricetta e mettetevi all’opera alla prima occasione, di seguito trovate i suggerimenti per preparare la polvere do scorza di arancia così come ho fatto io, è davvero facile!

polvere di scorza di arancia
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    un paio* di giorni
  • Porzioni:
    un barattolo piccolo
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Arance (grandi di Ribera) una decina

Preparazione

  1. Preparare la polvere di scorza di arancia è un’operazione veramente semplice.

    E’ importante però che le vostre arance siano di buona qualità e biologiche, io in Sicilia ne trovo di buonissime, ma anche altrove non dovreste avere problemi.

  2. Ogni volta che dovrete mangiare un’arancia ricordate di armarvi di pelapatate!

    Solo con questo prezioso strumento potrete prelevare la porzione di buccia perfetta per preparare la polvere d’arancia!

  3. In mancanza potrete utilizzare un coltellino ben affilato, ma con un pelapatate “l’operazione” risulterà facile e perfetta!

  4. Sistemate della carta assorbente da cucina o dei normali tovaglioli di carta su un vassoio

    Mettete le bucce una vicina all’altra senza sovrapporre. Ricoprite con altri tovaglioli e lasciate all’aria, preferibilmente vicino una fonte di calore.

    *Io ho utilizzato la parte superiore dei termosifoni (accesi) e nel giro di due / tre giorni, le scorze erano perfettamente essiccate.

    Le scorze sono pronte epr essere tritate quando schiacciandole si spezzano con un rumore sordo. Se ancora vedete che si piegano, dovranno asciugarsi ancora un po’.

    Conservate le scorze secche in un contenitore ermetico. Quando ne avrete una buona quantità procedete a frullarle. Basterà un mixer potente! Dovrete ottenere una polvere sufficientemente fine come quella della foto!

Precedente SARDE A BECCAFICO SICILIANE Successivo COLOMBINE SALATE AL FORMAGGIO E MANDORLE

Lascia un commento