PAN DI LATTE, CIAMBELLONE PER LA PRIMA COLAZIONE

Conoscete il pan di latte? No! Non lo conoscevo nemmeno io…. Ho “imparato” a conoscerlo man mano che nasceva dai miei errori il giorno che volevo preparare una crema fredda al latte condensato e che non mi è riuscita come la volevo 😀

ciambellone pan di latte

Embè? Aggiungi farina, uova e poco altro ed ecco sfornato un dolce buonissimo! Consistenza soda, da tagliare a fette e spalmare con della buona marmellata per allietare la colazione del mattino! Il ciambellone rimane umido e di consistenza piacevole per molti giorni conservato sotto una campana per dolci, sia di vetro che di plastica, e siccome è un dolce è piuttosto sostanzioso questo è un bene, una fetta “discreta” al mattino andrà più che bene, due fette se il vostro fabbisogno calorico può osare ben al di là! 😀

Infine la torta pan di latte è perfetta anche quando avete un po’ di albumi da smaltire 😉

Torta pan di latte

Ingredienti per un ciambellone di 26 cm

latte condensato, una lattina da 397 g

panna fresca da montare, 350 g

burro, 50 g

zucchero, 50 g

farina 00, 300 g

fecola o amido, 100 g*

uova intere, 4

albumi, 150 g
(circa 5)

lievito per dolci, 1 bustina

torta tutto latte

*se non avete fecola o amido, andrà bene tutta farina

Per una torta senza latte e senza uova CLICCA QUI 🙂

Imburrate e infarinate uno stampo per ciambelle, oppure rivestitelo con carta da forno.

Sciogliete il burro e lasciatelo intiepidire. Setacciate farina e amido con il lievito.

Montate la panna con il latte condensato per una decina di minuti, aggiungete il burro ormai tiepido.

Con le fruste in azione aggiungete un uovo alla volta alternando con quattro cucchiai di farina. Amalgamate tutto per bene.

Montate gli albumi a neve e aggiungeteli al composto con una paletta di legno o una “leccapentole”, mescolando dall’alto verso l’alto per incorporare quanto più possibile l’aria.

Versate il composto nello stampo e infornate a 180 °C per circa 50 minuti. Fate la prova stecchino per verificarne la cottura.

Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di servire. Spolverizzate con zucchero a velo a piacere.

 
Precedente CRISPELLE DI RISO O ZEPPOLE DI S. GIUSEPPE, DOLCE TRADIZIONALE DI CATANIA Successivo FRITTELLE DI RISO AL LIMONE

Lascia un commento