Crea sito

Gnocchetti al ragù di triglie

gnocchetti di ragù di triglia

Il ragù di triglie è un must in gran parte dei ristoranti siciliani che prediligono una cucina a base di pesce. Era da un po’ di tempo che volevo provare a realizzarlo, e ho chiesto lumi alla vera chef della famiglia, mia madre quella che “sifatuttoprestoeveloce” e le riesce sempre tutto!

Una telefonata rapida e mi sono messa all’opera, non so se è la stessa ricetta degli chef dei ristoranti, ma vi assicuro che questo ragù di triglie è assolutamente all’altezza!!!

Ingredienti

800 g di triglie grandi
(circa 4)

una cipolla

una carota

mezza costa di sedano

una decina di pomodorini
(oppure 300 g di pelati)

uno spicchio d’aglio

mezzo bicchiere di vino bianco

prezzemolo tritato

sale e pepe (o peperoncino)

olio extravergine d’oliva

500 g di gnocchetti sardi

gnocchetti di ragù di triglie

Pulite le triglie, evisceratele, squamatele e sfilettatele con un coltellino affilato. NON buttate via le teste e le lische.

E’ più semplice di quel che sembra, è sufficiente incidere sulla coda e risalire fino alla testa cercando di stare più vicino possibile alla lisca. Infine dovrete togliere tutte le spine al filetto di pesce: passate un dito al centro e sentirete dove si trovano, toglietele con una pinzetta. Per facilitarmi questa operazione ho tagliato a metà il filetto per il lungo proprio dove si trovano le spine e ho tagliato via con i coltello tutte le spine in un colpo solo.

Con le teste e le lische dovrete preparare una “bisque” cioè un brodino ristretto di pesce che darà un sapore unico al vostro piatto. Mettete lische e teste in una pentola, aggiungete la carota intera, la cipolla (tenetene da parte un quarto), il sedano e i pomodori. Coprite con acqua fredda, salate e fate cuocere fino a quando il liquido si sarà ristretto di oltre metà.

Nel frattempo in un tegame fate un soffritto con la cipolla tenuta da parte e l’aglio in olio extravergine d’oliva sufficiente. Unite i filetti di triglia interi e fate cuocere qualche minuto. Sfumate col vino, salate e pepate. Cuocete ancora qualche minuto, fino alla cottura del pesce che nel frattempo si sarà sfaldato un po’.

Prendete il brodetto di pesce e passatelo al passaverdure facendo ricadere il liquido in una ciotola. Controllate che non siano passate delle spine e unitelo al pesce cotto. Rimettete sul fuoco e fate ridurre ancora un po’ se necessario, otterrete un sugo leggermente denso. Aggiungete il prezzemolo tritato e a piacere del peperoncino.

Cuocete gli gnocchetti in acqua salata per 20 minuti circa, scolateli e conditeli col ragù di triglie. Buon appetito.

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su facebook con un semplice like mi-piace-facebook

2 Risposte a “Gnocchetti al ragù di triglie”

  1. Premetto che le triglie non mi piacciono, ma questo ragù deve essere speciale, mi hai convinto, bravissima, un grande abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.