Crostata di pesche sciroppate e amaretti


Dolci, Torte / sabato, maggio 12th, 2018

Non c’è niente di meglio che portare in tavola, al pranzo della domenica, una crostata di questo tipo. Un fine pasto fresco, grazie alla frutta, ma goloso, per via della crema. Un insieme di sapori eccezionale, con una forma molto particolare 🙂 sì, perché in questa torta le pesche vanno appoggiate, a metà, direttamente sopra la crema: si formeranno tante irresistibili montagnette a cui non potrete resistere.

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Porzioni: 10 persone

Ingredienti

Per la base senza burro

  • Farina 380 g
  • Zucchero 100 g
  • Uova 2
  • Olio di semi 100 ml
  • Lievito in polvere per dolci 8 g

Per la crema

  • Latte 300 ml
  • Tuorli 2
  • Zucchero 60 g
  • Farina 25 g

Per farcire

  • Pesche sciroppate
  • Amaretti

Preparazione

  1. Iniziate preparando la crema. Il procedimento lo trovate qui.

    Intanto che la crema di raffredda, preparate la frolla senza burro.

    In una ciotola, rompete le uova, mischiatele con lo zucchero e unite l’olio di semi. Mischiate bene tutti gli ingredienti, dopodiché unite la farina e il lievito poco alla volta, iniziando a incorporarli prima con un mestolo e poi, quando l’impasto diventa più duro, con le mani. Quando avrete ottenuto un panetto morbido e liscio, avvolgetelo nella pellicola per gli alimenti e lasciate che si raffreddi per una mezz’oretta in frigorifero.

    Quando il tempo sarà trascorso, estraete la vostra frolla dal frigo e dividetela a metà (non dev’essere una metà perfetta, non state a pesarla. Se quella utilizzata come base è un pochino più grande, è anche meglio). Stendetene una parte su un piano di lavoro (non troppo sottile!) e rivestite con essa l’interno di una tortiera.

    Rifinite tagliando i bordi in eccesso.

    Versate all’interno la crema pasticcera precedentemente preparata, dopodiché sistemate gli amaretti e le pesche. Dentro ogni metà pesca, io ho infilato un amaretto (dove priva c’era il nocciolo, per capirci), e potete riempire in questo modo tutta la superficie. Io ho voluto anche sbriciolare però, tra la crema e le pesche, altri amaretti, per dare un sapore più deciso!

    Completata la fase di farcitura, stendete la frolla rimanente e chiudete la torta avendo cura di sigillare bene i bordi. Con i polpastrelli, premete il disco di frolla tra le pesche, in modo da creare quell’aspetto caratteristico che vedete in foto.

    Cuocete in forno a 180° per 40 minuti.

Note

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.