Zenzero in salamoia o zenzero sushi

Come vi ho già detto noi adoriamo il sushi e quando lo prepariamo lo serviamo con un po’ di zenzero in salamoia, proprio come al ristorante. Da queste parti però non si trova così facilmente quindi lo facciamo in casa… è più semplice di quel che sembra!
Lo zenzero in salamoia è un classico che viene sempre servito insieme al sushi, un po’ per il suo sapore, un po’ perché ha proprietà digestive che non guastano mai!

zenzero in salamoia o zenzero sushi
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo15 Giorni
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gZenzero fresco
  • 400 mlAceto di vino bianco
  • 1 cucchiaioSale grosso
  • 200 gZucchero

Preparazione

  1. Questa ricetta è molto semplice: per prima cosa dovete pelare lo zenzero e tagliarlo a fettine sottilissime con una mandolina mettendolo in una ciotola man mano che lo tagliate.

    Mettete il sale supra alle le fettine di zenzero, mescolate poi mettetele in uno scolapasta e fatele scolare per 10 minuti (un po’ come facciamo con le melanzane), dopodiché sciacquatele sotto l’acqua e asciugatele con un canovaccio pulito.

  2. zenzero in salamoia o zenzero sushi

    A questo punto mettete sul fuoco una pentola con l’aceto e lo zucchero. Portate a bollore l’aceto mescolando di tanto in tanto per far sciogliere tutto lo zucchero. Mentre l’aceto raggiunge il punto di bollore mettete le fettine di zenzero in dei vasetti di vetro puliti pressandolo un po’ con le mani per fargli occupare meno spazio possibile.

    Quando lo zucchero sarà completamente sciolto e l’aceto sarà bollente versate la salamoia nei vasetti fino a coprire lo zenzero poi chiudete i coperchi. In questo modo i vasetti andranno velocemente sotto vuoto e potrete conservare lo zenzero sushi per mesi. Prima di utilizzarlo però aspettate almeno 15 giorni per fargli raggiungere il gusto e la consistenza classica.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Ciaramicola: dolce di Pasqua umbro Successivo Pasta fresca senza uova al salmone e zucchine

Lascia un commento