Pinsa romana

Ultimamente si trovano sempre più pizzerie che preparano dell’ottima pinsa Romana… Per quanto io adori la pizza devo ammettere che questa variante è altrettanto gustosa, inoltre la croccantezza della base è molto piacevole al palato. La cosa migliore della pinsa poi sono le farciture, infatti ci si può sbizzarrire mettendo condimenti per tutti i gusti!

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

500 g farina tipo 1 (o farina 0)
50 g farina di soia
6 g sale
20 g olio extravergine d’oliva
350 ml acqua

Passaggi

Mettete nella planetaria con il gancio per impastare (vi metto il link di quella che uso io) l’acqua con il lievito. Azionatela per farlo sciogliere completamente, poi aggiungete l’olio ed emulsionatelo. Iniziate e versare le farine, un cucchiaio per volta, facendole incorporare ogni volta prima di versare il cucchiaio successivo.

Continuate fino ad incorporare tutta la farina poi, come ultima cosa, aggiungete il sale. Fate lavorare la planetaria per altri 3-4 minuti per far incordare bene l’impasto. A questo punto trasferitelo sul piano di lavoro e lavoratelo un po’ a mano dandogli una forma arrotondata e liscia.

Lasciate l’impasto a lievitare per 2 ore a temperatura ambiente, mettendolo dentro una ciotola oliata e coprendolo con un panno. A questo punto fategli delle pieghe di rinforzo allargando l’impasto sul piano di lavoro e dandogli la forma di un rettangolo, poi ripiegate i lati del rettangolo verso l’interno e formate nuovamente una sorta di palla. Rimettetelo nella ciotola oliata, copritelo con la pellicola trasparente e mettete a lievitare l’impasto in frigorifero per circa 20 ore.

Prima di stendere l’impasto dividetelo in due parti e fatelo stare fuori frigo per almeno 30 minuti. Ora infarinate bene il piano di lavoro (meglio se con la farina di grano duro) e stendete i due panetti fino ad ottenere due rettangoli delle dimensioni della leccarda del forno.

Non rimane che condire la pinsa romana come preferite (io ho messo pomodoro, salsiccia e gorgonzola) e cuocerla in forno a legna preriscaldato a 300 gradi per circa 20 minuti. Se avete il forno elettrico portatelo a minimo 280° e cuocetela sempre per circa 20 minuti in modalità forno ventilato.

pinsa romana
pinsa romana


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *