ricettecampane

Torta con nocciole di Giffoni

14795733_10209420221816433_504607669_oOggi vi presento la Tonda di Giffoni una delle più pregiate varietà di nocciole IGP. L’area di produzione della Nocciola di Giffoni è concentrata nel salernitano, soprattutto nella valle dell’Irno e nella zona dei Monti Picentini. La nocciola di Giffoni ha un sapore e una dolcezza che la rendono unica, preziosa e nobile. Questo frutto autunnale è straordinario; la sua forma perfettamente rotondeggiante e la sua polpa bianca e aromatica, l’elevata pelabilità e l’ottima conservabilità sono caratterisitche particolarmente apprezzate dall’industria dolciaria.
C’è tutto un mondo di prelibatezze intorno a questo prodotto tipico campano, il suo impiego spazia dai dolci, alle creme, liquori e primi piatti eccezionali.
La ricetta che vi propongo è una soffice torta con nocciole e pere. Questo dolce morbido e dal profumo inebriante, racchiude tutti i sapori e i colori tipici dell’autunno. A volte per ritrovare il sorriso e il buonumore durante le stagioni invernali, bastano una fetta del nostro dolce preferito, una tazza di te, un buon libro, un plaid avvolgente per creare un attimo per noi fatto di serenità e di cose buone.

Ingredienti:
– 250 g di farina
– 160 g di zucchero
– 100 g di burro
– 4 uova
– 1 vasetto di yogurt al miele
– 100 g di nocciole
– 2 pere
– 1 bustina di lievito per dolci
– un cucchiaino di cannella
– 1 limone

Procedimento: Lavorate con le fruste elettriche le uova con lo zucchero fino a quando non otterrete una crema liscia e gonfia. Aggiungete il lievito e la farina setacciata poco alla volta, amalgamate con cura e aggiungete lo yogurt e metà delle nocciole precedentemente tritate. Tagliate le pere a tocchetti irroratele con del succo di limone e aggiungete una parte delle pere all’impasto delicatamente. Miscelate il composto, versatelo in una teglia foderata con della carta forno e cospargete l’impasto con le nocciole e le pere rimaste. Infornate a 180° per 55 minuti.

Acquasale cilentana

frisa

Acquasale cilentana.

L’acquasale è un piatto tipico della cucina cilentana. Un tempo questa pietanza era la colazione dei pescatori e dei contadini. La sua preparazione è semplicissima; basta bagnare il pane biscottatto con poca acqua, in modo da lasciarlo croccante e condirlo con olio, sale, origano e pomodorini. Un piatto della cucina povera, ma ricca di sapori e profumi, che valorizza i prodotti del territorio e, il concetto che in cucina non si butta via nulla. Così con del pane raffermo o biscottato , un goccio di olio evo e dei pomodori rossi e succosi, la magia in tavola si crea, in riva al mare, al calar del sole, dove le nostre tradizioni, e il clima caldo, raccontano la storie di tutti i commensali, che con un buon vinello si perdono in fragorose risate, e la gioia di essere figli di questa terra si compie. La generosità e l’ospitalità di noi meridionali si traduce con un meraviglioso sorriso, accompagnato da una delle cucine più ricche di tradizioni e genuinità. Al sud si vive così: nonostante tutte le vicissitudini e difficoltà, riusciamo a creare attimi di grande bellezza. Forse è per questo motivo che si dice: al sud piangi due volte, quando arrivi e quando te ne vai.
Arriverderci a settembre con la rubrica 100% Made in Italy su Fuudly.

Acquasale è dedicata ad Annamaria, una piccola, ma grande donna archeologa e giornalista, che affronta tutti i giorni la sua vita con una forza incredibile, e un sorriso avvolgente che scalda il cuore. A lei auguro di realizzare tutti i suoi sogni. Grazie Anna non solo per la ricetta dell’acquaesale 😉 ma anche per essere entrata a far parte della mia vita.

Ingredienti:
Pane biscottato o friselle: 200g
pomodorini datterini: 150g
pomodorini datterini gialli: 150g
mozzarelline di bufala: 100g
Olio Evo: q/b
sale: q/b
basilico: q/b
origano:q/b
Acqua: q/b

Procedimento: Disponete il pane biscottato su un piatto, bagnatelo quel tanto che basta con l’acqua, e conditelo con i pomodorini tagliati, mozzarelline, sale, basilico, origano e un filo d’olio.
Bon appetit
Madame Bistrò