Pastella alla birra in bottiglia per fritti perfetti

Pastella alla birra in bottiglia senza uova geniale! Si prepara in 5 minuti e con solo 3 ingredienti, non sporca e si conserva in frigo per averla sempre pronta. La pastella alla birra in bottiglia ci permette di ottenere fritti croccanti, dorati e aromatici. Possiamo immergere in questa pastella per fritti di tutto: melanzane, cipolle, zucchine, peperoni, funghi, calamari, fiori di zucca, cozze, asparagi e tanto altro. Solo 3 ingredienti da versare in bottiglia, agitare energicamente per ottenere una pastella in bottiglia liscia, omogenea, senza grumi e molto avvolgente. Vediamo insieme come procedere.

Pastella alla birra in bottiglia ricetta il mio saper fare

Pastella alla birra in bottiglia per fritti perfetti

Ingredienti:

  • 200 g di farina 00 setacciata
  • 250 ml di birra chiara freddissima
  • 1 cucchiaino di olio di semi (va bene anche l’olio evo)
  • 1 bottiglia di plastica oppure vetro con tappo a vite
  • imbuto
  • NON aggiungere sale

Procedimento:

Posizionare l’imbuto sulla bottiglia e far cadere la farina già setacciata, poi unire la birra fredda, l’olio e agitare energicamente per ben amalgamare tutti gli ingredienti.

Continuare ad agitare la bottiglia sino a quando la pastella non sarà omogenea e senza grumi.

Se la pastella dovesse risultare troppo fluida sarà meglio aggiungere un pochino di farina in più. Molto dipende dalla qualità della farina. La pastella deve essere avvolgente ma allo stesso tempo fluida per poter scrollare facilmente quella in eccedenza senza appesantire le verdure da friggere

La pastella alla birra in bottiglia è pronta per essere utilizzata. Versarla in una ciotola, immergere uniformemente nella pastella le verdure da pastellare, scrollare quella in eccesso e  friggerle in olio bollente sino a doratura.

La frittura risulterà dorata, croccante e gustosa. Adagiare i fritti pastellati , appena allontanati dall’olio, su carta cucina per assorbire l’olio. Regolare di sale e servire ben caldo!

Il sale non va aggiunto alla pastella per non creare umidità durante la frittura, bisogna regolare di sale i fritti dopo la cottura e prima di servirli altrimenti perderanno la loro “croccantezza”

La pastella si conserva in frigo per 1 al massimo 2 giorni in una ciotola coperta con pellicola (meglio evitare di conservare la pastello nella bottiglia di plastica invece va bene quella di vetro). Va mescolata nuovamente e utilizzata fredda per ottenere shock termico indispensabile per fritti non unti e croccanti.

Vi segnalo anche la ricetta della PASTA CRESCIUTA per FRITTI dorati e croccanti, cliccare QUI

Pasta cresciuta per fritti ricetta il mio saper fare

Da non perdere:

  • PASTELLA SENZA UOVA, cliccare QUI 
  • PASTELLA CON UOVA , cliccare QUI 

Per tornare alla HOME 

Per non perdere le nuove ricette seguimi anche su Facebook  QUI  e clicca MI PIACE. Grazie mille!

SEGUITEMI anche su INSTAGRAM, basta cliccare QUI

Precedente Funghi Portobello ripieni gratinati al forno Successivo Confettura di peperoni fatta in casa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.