Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta: semplice, con ingredienti poveri che appartengono alla tradizione culinaria contadina.

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

Cucina povera ma ricca di sapore, si andava per campi a raccogliere cicorielle selvatiche, bastava un pugno di fagioli e, per i più fortunati, una fetta di pancetta e poi tanto brodo e pane per poter saziare i commensali. Oggi è tutto diverso, ma sono convinta che convenga dar valore a ricette e ingredienti di un tempo. Ho accompagnato la zuppa di fagioli e pancetta con un cono di pane Matera croccante, un saporito contenitore condito con un generoso filo di olio evo ottenuto dalle olive della mia azienda agricola appena molite. Il cono croccante di pane Matera viene spezzettano e gustato con la zuppa, dona una marcia in più alla mia ricetta.

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

Il pane Matera è ottenuto con semole rimacinate di grano duro di cui il 30% circa è costituito da semola rimacinata Senatore Cappelli, prodotte solo e soltanto in Lucania. Prevede l’utilizzo del lievito madre e per questo è molto digeribile e si conserva a lungo, ha una crosta scura e croccante, una mollica soffice con una bella alveolatura e un sapore straordinario. Vi chiederete ma chi è questo Senatore Cappelli? E’ il nome di un grano eccellente, coltivato in alcune zone dell’entroterra lucano, che non ha subito nessuna mutazione genetica e per questo è adatto anche agli intolleranti al glutine. Il grano prende il nome dal Senatore Raffaele Cappelli autore della distinzione tra grani duri e teneri. Un altro ingrediente eccellente della mia ricetta è il  “fagiolo Tabacchino”, coltivato in Lucania, ricco di fibre e altamente digeribile. Cuoce in poco tempo, è ideale per zuppe, minestre e ben si accompagna alle verdure. Principale fonte di sostentamento per i contadini lucani di un tempo in quanto era un valido sostituto della carne. La possibilità di conoscere questi prodotti è dovuta dalla mia partecipazione al contest  Mangiare Matera, fra tutti i prodotti che mi sono stati omaggiati ho voluto rendere protagonista della mia ricetta il pane.

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta deve essere servita calda e fumante, in giornate fredde sarà il nostro cibo confortante che ci scalda.

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

Ingredienti per 4 persone

  • 200 g di fagioli Tabacchino o altra qualità
  • 4 fette di pane Matera
  • olio evo q.b.
  • sale
  • peperoncino piccante se gradito
  • 400 g di pancetta di maiale ( una fetta larga 4 cm circa)
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 kg di cicorie o cicorielle selvatiche
  • pomodori

Procedimento:

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

  1. La sera prima: sciacquare i fagioli sotto acqua corrente ed eliminare le eventuali impurità. Metterli in ammollo in abbondante acqua fredda.
  2. Trascorse le 12 ore sciacquare nuovamente i fagioli, metterli in una pentola alta e capiente e ricoprirli con acqua fredda abbondante. Appena raggiunge l’ebollizione, se necessario schiumare, abbassare la fiamma e continuare la cottura sino a quando saranno teneri. Regolare di sale solo a fine cottura altrimenti diventano duri.
  3. Pulire accuratamente la verdura, eliminando le foglie esterne e dure, lavarla sotto acqua corrente e metterla a scolare.
  4. Portare a bollore abbondante acqua salata e lessare la verdura, deve risultare ben cotta ma non sfatta. Scolarla e passarla sotto acqua corrente fredda, risulterà di un bel verde brillante.
  5. Con del cartoncino realizzare un cono
  6. Avvolgere una fetta di pane intorno ad un cono di carta e fermare le estremità con degli stecchini. In forno a 170°C funzione grill per qualche minuto, giusto il tempo di dorarsi avendo cura di girare spesso il cono di pane per un risultato uniforme. Quando il cono sarà tiepido, sfilare gli stecchini e  sformare con cautela, ripetere l’operazione per le altre fette di pane.  Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta  Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta
  7. Dividere la pancetta in tocchetti  piccoli.
  8. In un tegame versare un filo di olio evo e far rosolare leggermente lo spicchio di aglio sbucciato e diviso in tre,unire la pancetta e far rosolare. Quando la carne avrà assunto un bel colore dorato aggiungere i pomodorini tagliati a spicchi. Far insaporire per 5 minuti circa girando ogni tanto.
  9. Unire la verdura  e i fagioli sgocciolati, aggiungere 3 o anche più mestoli di acqua ( volendo va bene anche quella della cottura dei fagioli), regolare di sale e portare a bollore.
  10. Far cuocere il tutto per circa 15/20 minuti.
  11. Servire la zuppa nel cono di pane Matera tostato,condire con un generoso filo di olio evo e gustare calda.

Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

 

Vi invito a diventare fan della mia pagina Facebook per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me. Allora cliccate QUI e poi mettete MI PIACE.

Se volete potere ricevere gratuitamente tutte le mie ricette tramite posta elettronica, cliccate QUI                   

  ENJOY E GRAZIE PER L’ATTENZIONE :)

Precedente Finocchi Gratinati ricetta semplice vegan Successivo Pasta brise alle olive e formaggio

13 commenti su “Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta

  1. ANNA3 il said:

    il pane di matera è qualcosa di eccezionale, hai reso una ricetta tradizionale e di ingredienti poveri in qualcosa di moderno e sicuramente buonissimo.
    sei la numero unooooooooooooooooo

  2. Pingback: Pane Matera croccante con zuppa di cicoria fagioli Tabacchino e pancetta | Mangiare Matera

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.