Baguette facile e veloce |pane fatto in casa

Baguette facile e veloce

Baguette facile e veloce per tutti!  La baguette o baghetta ha la forma allungata, la crosta croccante e la mollica morbidissima. E’ un pane francese  profumatissimo, leggero perchè molto alveolato, ideale da servire a tavola con un tagliere di salumi e formaggi. La mia è una versione facile e veloce, in 2 ore circa riusciamo ad ottenere 3 baguettes che ci inebrieranno con il loro inconfondibile profumo. Il segreto per la baguette facile e veloce sta nell’impasto che deve risultare morbido ed appiccicoso in quanto è molto idratato. Una grandissima soddisfazione riuscire a realizzare un pane fatto in casa buono e semplice. Dalla mia carissima amica Laura troverete la versione con il lievito made, oggi il suo blog compie 2 anni… auguri!!

Baguette facile e veloce blog il mio saper fare

Ingredienti per 3 Baguette

  • 500 g di farina 00 oppure la farina 0
  • 400 ml di acqua tiepida
  • sale q.b.
  • 1 cucchiaino di miele
  • mezzo cubetto di lievito di birra
  • farina di semola rimacinata per il piano lavoro

Procedimento:

Baguette facile e veloce blog il mio saper fare

Baguette facile e veloce blog il mio saper fare

  1. Scaldiamo leggermente l’acqua, deve essere tiepida ma non calda altrimenti inibisce la funzione del lievito.
  2. In una ciotola aggiungere 1/3 dell’acqua, sciogliere il lievito e il miele.
  3. In una coppa capiente unire la farina, versare il lievito sciolto nell’acqua e aggiungere tutta l’acqua,  mescolare velocemente con una forchetta. ( ho lavorato l’impasto con lo sbattitore elettrico per pochi istanti e alla fine ho regolato di sale) . L’impasto risulterà appiccicoso.
  4. Far lievitare in un luogo tiepido coperto con un canovaccio pulito per meno di 2 ore ( è pronto quando avrà raddoppiato il suo volume)
  5. Accendere il forno a 200°C
  6. Trasferire l’impasto lievitato sulla spianatoia ben infarinata con farina di semola e dividerlo in 3 parti. Infarinare leggermente i panetti e dare la forma allungata ( non esagerare con la farina e fare attenzione a non farla penetrare nell’impasto, deve rimanere solo in superficie)
  7. Rivestire con carta forno una teglia e trasferire delicatamente i panetti ben distanziati cercando di ridare la forma. Tra un panetto e l’altro sistemare dei rotolini di carta forno  (vedi foto) altrimenti le baguette si appiattiscono. Sono in vendita anche le teglie adatte. Dato che è un impasto difficile da maneggiare e dando la forma ai panetti si maltratta un po’ è preferibile far lievitare nuovamente per almeno 30 minuti i panetti formati.
  8. In forno già caldo per circa 25/30  minuti, devono risultare dorate
  9. Far intiepidire e servire.

Baguette facile e veloce blog il mio saper fare

Vi invito a diventare fan della mia pagina Facebook per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me. Allora cliccate QUI e poi mettete MI PIACE.

Se volete potere ricevere gratuitamente tutte le mie ricette tramite posta elettronica, cliccate QUI                   

  ENJOY E GRAZIE PER L’ATTENZIONE :)

 

Precedente Vongole Zucchine con Pasta |primo piatto veloce Successivo Brioches ripiene di Nocciolata

58 commenti su “Baguette facile e veloce |pane fatto in casa

  1. sei sempre un tesoro, lo sai quanto ti voglio bene!!!! grazie degli auguri, ma noi ci tiriamo le orecchie a vicenda, siamo legate in tutti i sensi eheheheh laura

  2. fado il said:

    cerco soluzioni che non riesco a trovare, e mi scuso per le tante parole:
    vivendo in centro a firenze, ultimo piano ,sottotetto, subisco il caldo torrido e il gelo tipici della città, ed il cucinotto, senza termosifone, è un esterno ‘chiuso’: quindi tutte le varie indicazioni di temperatura sono rispettate solo pochi periodi dell’anno.
    Scoperto il frigo, la vita mi è cambiata: impasto (pasta madre rinfrescata la sera prima-100\150g per 500 di farina), metto in frigo dopo 18\20 ore riprendo, do un po di forma e dopo il riposo, metto nel fornetto ( de longhi) a 240 ventilato con acqua nel vassoio (provato senza ventilazione, ma si brucia sia sotto che sopra). dopo 10′ abbasso a 200, e gli ultimi 10 dei 50\60′ (c.ca 1Kg di pane) senza ventilazione, solo resistenza inferiore.
    bella crosta croccante e davvero buono e duraturo.
    ma veniamo al nuovo problema: scoperto la farina tipo 1 di grani antichi macinata a pietra, come consigliano ridotto l’idratazione, ma anche uno scarso 50%, mi da un impasto poco gestibile appiccicoso, che dopo la lievitazione in frigo è ancora peggio (un utopia rilavoralo, o dargli pieghe), tanto che ho risolto travasando il tutto in una forma rivestita di carta da forno.
    pane ottimo davvero, guai lasciarne una fetta ne cestino, attira come una droga.
    Ma veniamo alla domanda:
    Date tutte queste limitazioni- temperature – forno, mi piacerebbe poter evitare la ‘cassetta’, ma senza ottengo solo delle pizze spiaccicate, c’è un sistema.?
    Grazie in anticipo comunque
    leggo tutto con interesse, le particolari domande e le pazienti risposte,
    forse c’è anche per me una soluzione

      • fado il said:

        grazie per la cortese e veloce risposta.
        per Cassetta intendo una forma in alluminio da forno.
        che Devo usare per non ottenere solo ciabatte.
        il mio problema è soprattutto riuscire a far mantenere all’impasto una forma accettabile.

        • loti64 il said:

          Capito 🙂 si trovano in vendita delle teglia adatte alla baguette con delle onde per separare e non sformare l’impasto. Io ho fatto dei rotolini di carta forno per separarle. Per dare al pane la forma non fare un impasto molto idratato ma bello sodo 🙂

          • juliette il said:

            Io , per cuocerle mantenendo la forma , distanzio l’impasto con i rotoli che sono dentro il Domopak o l’alluminio ricopro il tutto con carta forno o alluminio.

          • loti64 il said:

            Stessa cosa faccio io..ricoprili solo di cara forno, secondo me è meglio. Bisogna ingegnarsi..so che sono in vendita delle teglie adatte 🙂

  3. Paola il said:

    Che voglia di provare questa ricetta – magari riuscisse anche a me! Vivendo negli Stati Uniti, non e’ molto facile trovare il lievito di birra fresco in cubetti. Sapresti dirmi quanti gr. di lievito di birra disidratato dovrei usare? Grazie!

    • loti64 il said:

      Ciao Paola,
      benvenuta!!!! 🙂
      Devi usare la dose consigliata per i g di farina…ad esempio su 500 g di farina occorre una bustina di lievito disidratato. Fammi sapere se riesci ad avere questa informazione altrimenti faccio io un’indagine 🙂
      Un abbraccio dall’Italia

    • loti64 il said:

      Ciao Farncesca,
      su 5o0 g di farina usa dai 100 ai 150 g di LM..i tempi di lievitazione sono lunghi circa 7/8. Un bacione e fammi sapere 🙂

  4. Barbara il said:

    ciao complimenti per tutto solo una domanda la farina di semola rimacinata cosè, in caso non l’avessi può andar bene la farina 00? Auguri e buone feste 🙂

    • loti64 il said:

      La farina di semola rimacinata è un semolino ancora più fine, si trova facilmente in commercio. Puoi usare la farina 00 solo che tende ad aggregarsi all’impasto, infatti mentre formiamo le baguette si incorpora all’impasto molliccio, invece la semola ci permette di lavorare senza unirsi all’impasto. Fammi sapere. Un bacione e auguri di cuore!! 🙂

    • loti64 il said:

      Ciao Silvana,
      è carta forno si usa per rivestire le teglie, non fa attaccare il cibo durante la cottura. Per le baguette si vendono anche le teglie adatte. Un bacione cara e se non sono stata chiara riscrivi nuovamente <3

  5. Mariannina il said:

    Provata … non era male, ma aveva il retrogusto di lievito di birra. Secondo te, se lievito di birra ne mettessi 1/3 del panetto e acqua leggermente di meno (tipo 350 ml) non sarebbe meglio? Anche perché in forno, a 200°, ci sono voluti 50 min per cuocere. Inoltre la crosta è venuta un po’ dura, non sarebbe meglio a 220° (almeno per il mio forno)

    • loti64 il said:

      Ciao Mariannina, il lievito lo puoi ridurre ma allo stesso tempo devi allungare i tempi di lievitazione ( fino al raddoppio dell’impasto). E’ un impasto molto idratato ed è questa la caratteristica se riduci l’acqua diventa pane comune. Il forno lo regoli tu in base al tuo “forno”, puoi aumentare la temperatura..la crosta era dura o croccante? E all’interno c’era una buona alveolatura (tanti buchini)? Fammi sapere, un bacione
      Marisa

      • giuliana il said:

        salve a me l impasto è uscito cremoso e appiccicoso se metto un panno si appiccica :(..l ho messo in una telia di alluminio in forno con luce accesa..ma dopo se devo fare le forme come faccio se si appiccica e non posso incorporare farina? e come le sposto dopo data la forma se e molle?

        • loti64 il said:

          Cara va tutto bene, lo devi maneggiare con l’aiuto della farina di semola. Quando fai le forme infarina tutto con la farina di semola e trasferiscile sulla teglia, dividile con dei rotoli di cara forno come in foto. E’ un impasto molto idratato…fammi sapere 😉

  6. giuliana il said:

    salve a tutte ..l impasto è cremoso..se metto sopra un panno si appiccica :(..l ho messo in forno con la luce accesa in una telietta x pizza..poi se dopo devo dare forma e appiccicosa come posso modellare senza incorporare farina? sono alle prime volte 🙁

  7. Laura Pasquini il said:

    Perché le mie baguette dal sapore meraviglioso sono uscite un pochino troppo croccanti? Ho seguito le tue indicazioni alla lettera. Grazie

  8. barbara il said:

    grazie molte, riuscita molto bene! una richiesta: con la pasta madre qual è il procedimento iniziale? ho la pm da pochissimo e non sono esperta, vorrei ripetere la ricetta con il mio nuovo lievito..

    • loti64 il said:

      Ciao Barbara,
      il lievito va rinfrescato 🙂 una volta rinfrescato dopo 4/5 ore se ha raddoppiato il suo volume puoi panificare. Su 500 g di farina devi aggiungere 150 g di lievito e far lievitare per 7/8 ore…sono qui se hai dei dubbi 🙂

      • barbara il said:

        sì, grazie delle indicazioni, ma vorrei capire concretamente come si procede: il lievito madre si scioglie nell’acqua? io ho quello più solido.. seguo proprio lo stesso procedimento del lievito di birra? (certo, a parte i tempi di attesa prima e dopo la panificazione..)
        grazie molto della disponibilità!

        • loti64 il said:

          Ciao Barbara,
          grazie a te per avermi contattata. SI, il lievito lo sciogli nell’acqua e procedi come sai. Una sola raccomandazione: panifica solo con lievito madre rinfrescato in giornata perchè è più forte. ma questo tu lo sai già <3

  9. Alla signoria vostra Il Mio Saper Fare di Marisa: vorrei spere la ricetta della tua amica Laura, ricetta delle Baguette con lievito madre o naturale, se possibile in modo che contatto anche lei. Grazie

    • loti64 il said:

      Ciao Mariano
      è la stessa ricetta 🙂 devi aggiungere 150 g di lievito madre e rispettare dei tempi di lievitazione più lunghi sino al raddoppio 🙂 Fammi sapere se è chiaro oppure contattami in privato che ti lascio il link per leggere la ricetta 😉

  10. marina il said:

    ciao e grazie per i preziosi suggerimenti, come mai scrivi sempre farina 00 in modo generico e non specifichi mai che forza deve avere o in alternativa la percentuale di proteine? credo che l’impasto possa variare se al posto di una farina w240/260 ne usi una w360
    complimenti ancora per le ricette sui lievitati

    • loti64 il said:

      Ciao Marina
      giusta osservazione 😉 non posso specificare e preferisco essere generica per dare a tutti la possibilità di seguirmi e di realizzare le ricette. Non tutti conoscono le farine con w 🙁 e non sempre le trovano in vendita. Devo dati ragione..il risultato cambia tantissimo anche se sono una bella botta di glutine per il nostro organismo 🙁 Continua a seguirmi… mi piace al tua attenzione 😉

      • Marina il said:

        ciao 🙂
        è vero che non tutti sanno la differenza tra le varie forze di farina ed è anche vero che difficilmente nei supermercati trovi farine in cui viene specificato il W, ma si può insegnare a leggere le proteine e così sapersi regolare, il risultato finale dipende molto da ciò ed anche i tempi di lievitazione cambiano e credo che se una persona un po’ “ignorante” in materia come lo sono io, legge e cerca di riprodurre ma il risultato è ben distante da ciò che viene descritto, beh si scoraggia :D.domani se ho tempo provo a fare il plumcake con zucchine e pesto, ho una cena qui a casa sabato e mi piace far fare da cavia gli amici,poi ti dirò il risultato!
        Visto che sei così esperta in panificazione volevo chiederti come si fa a far venire la crosta croccante e lucida della baguette francese, c’è qualche barbatrucco? ho letto in un libro (il pane fatto in casa di Ingram) che viene utilizzata una parte di farina francese, sarà tutto lì il segreto e la differenza? A presto!

        • loti64 il said:

          Ciao cara Marina
          da quello che leggo non sei ignorante in materia…anzi 😉 Fammi sapere del plumcake. per il lucido non saprei..mi informerò 🙂
          Un abbraccio e auguri di cuore (spero di leggerti nuovamente prima di Natale)

          • Marina il said:

            un po’ in ritardo per gli auguri ma meglio tardi che mai :), sono stata un po’ indaffarata con pranzi e cene e…tanta stanchezza! Il plumcake è venuto bene ed è davvero semplicissimo farlo, se non si finisce si conserva in frigorifero per qualche giorno senza subire alterazioni e basta scaldare un po’ il forno come si fa per il panettone per farlo tornare alle origini.
            dopo le feste mi impegno in internet per trovare la farina francese e provare con la baguette, oramai mi è entrata nel cervello e devo riuscirci!
            ciaooo e buon anno

          • loti64 il said:

            Ciao Marina
            tranquilla…periodo pieno anche per me 😉 Auguri di cuore e fammi sapere della farina 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.