Crea sito

Troccoli rossi

Ciao! Oggi vi presento una pasta fatta in casa, aromatizzata e resa colorata con l’utilizzo nell’impasto del concentrato di pomodoro: i “ TROCCOLI ROSSI”. I troccoli sono un formato di pasta lunga tipicamente pugliese. Si tratta di spaghettoni molto grossi, con una forma che è una via di mezzo tra il quadrato e il rotondo. La tradizione vuole che si preparino con un matterello rigato, chiamato troccolo appunto o anche “torcolo” o “torculum”. Io invece ho scelto di realizzarli a mano e in più li ho resi colorati con l’aggiunta del concentrato di pomodoro. La ricetta quindi che vi vado a presentare sono una specie di troccoli “a modo mio”! Il risultato comunque è una pasta non solo bella colorata, ma anche ricca di gusto grazie al pomodoro.
Qui di seguito troverete tutti gli ingredienti e tutto il procedimento per realizzare i troccoli rossi.
Vi aspetto anche su Instagram, Facebook e Pinterest!!!
Alla prossima ricetta!
Anna

  • DifficoltàAlta
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 110 gfarina 00
  • 110 gfarina di semola
  • 2uova
  • 1 cucchiaioconcentrato di pomodoro

Preparazione

  1. Su una spianatoia disporre a fontana le farine e creare un buco al centro dove troveranno posto le uova e il concentrato di pomodoro. Con una forchetta iniziare a mescolare le uova con il concentrato e, poco alla volta, aggiungere la farina.

    Continuare a mescolare il tutto e ad impastare con le mani per almeno 10 minuti, fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

    Coprire il panetto con la pellicola trasparente e lasciar riposare la pasta a temperatura ambiente per 15-30 minuti.

  2. Riprendere l’impasto della pasta e con l’aiuto di un matterello stenderla, fino ad ottenere uno spessore non troppo sottile (circa mezzo centimetro di altezza).
    Spolverare la superficie della sfoglia con abbondante farina di semola e arrotolare la sfoglia su sè stessa. Con un coltello a lama liscia tagliare la pasta, come se dovessimo realizzare le tagliatelle, ma questa volta con uno spessore di circa sempre di mezzo centimetro.

  3. Srotolare la pasta lunga così ottenuta. Prendere ogni filo di pasta e arrotolarlo leggermente con le mani.
    Lasciar asciugare i troccoli rossi su un vassoio ricoperto con abbondante farina o dipose dolo in verticale sul matterello appoggiato alle estremità su due bicchieri, come ho fatto io.

    I troccoli così sono pronti per essere cotti oppure, una volta lasciati asciugare, possono essere conservati in freezer.

I miei consigli e i miei link

Potete realizzare i troccoli senza l’aggiunta del concentrato di pomodoro. In questo caso per l’impasto con 2 uova , saranno sufficienti 200 g di farina in tutto.

Al posto del concentrato di pomodoro, potete utilizzare spinaci cotti ed ottenere un impasto verde.

PER SCOPRIRE DI PIÙ:

Sei interessato ad altre ricette di PASTE? clicca QUI.

Se invece vuoi scoprire altre ricette di PRIMI PIATTI, clicca QUI.

Inoltre se vuoi leggere altre ricette di PASTA FATTA IN CASA, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA – e clicca MI PIACE sulla Pagina per rimanere aggiornato su tutte le ricette.

Puoi seguirmi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE, clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.