Crea sito

Torta salata primavera

Ciao! La “TORTA SALATA PRIMAVERA” è un piatto unico, sano e completo. Si tratta di realizzare un impasto a base di esubero del lievito madre (oppure potete usare la pasta sfoglia già pronta) che viene farcito con un ripieno a base di ricotta e verdure cotte (io ho utilizzato le cime di rapa). Per rendere la torta più bella e più divertente, ho pensato di creare con gli stampini da biscotti dei fiorellini di impasto che ho poi decorato con semini vari. Cosa dite, non vi sembra perfetta per un picnic all’aria aperta o in giardino?
Qui di seguito troverete tutti gli ingredienti e tutto il procedimento per realizzare la torta salata primavera.
Vi aspetto come sempre anche su Instagram, Facebook e Pinterest per seguire in anteprima tutte le mie ricette!
A presto!
Anna

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzionitortiera da 22-24 cm di diametro
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per l’impasto

  • 280 glievito madre
  • 50 mlacqua
  • 135 gfarina
  • 30 mlolio di oliva
  • 9 gsale

Ingredienti per il ripieno

  • 250 gricotta
  • 300 gVerdure cotte (Cime di rapa )
  • 1uovo
  • 2 cucchiaiformaggio grattugiato
  • q.b.sale
  • q.b.pepe

Ingredienti per la decorazione

  • q.b.latte
  • q.b.semi di sesamo
  • q.b.semi di papavero
  • q.b.Semi di senape

Preparazione

  1. Prima di tutto preparare l’impasto. In una ciotola sciogliere l’esubero del lievito madre con l’acqua. Poi aggiungere la Farina ed infine l’olio e il sale. Impastare bene su una spianatoia fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

  2. Prendere le verdure, pulirle togliendo i gambi più duri e cuocerle in acqua bollente salata per 10 minuti. Scolare bene le verdure, eliminando tutta l’acqua in eccesso.

  3. Nel frattempo prendere l’impasto e tagliarlo in due parti, una più grande dell’altra. Prendere il pezzo più grosso di impasto e stenderlo con il mattarello. Mettere l’impasto steso su una tortiera rivestita con carta da forno. Con i lembi di una forchetta, bucherellare la base della torta salata.

  4. In una ciotola preparare il ripieno unendo la verdura cotta e strizzata bene, la ricotta, l’uovo, il formaggio grattugiato, sale e pepe. Mescolare bene il tutto e poi versare il ripieno nella tortiera, livellando bene la superficie.

  5. Con il resto dell’impasto e con l’aiuto di uno stampo per biscotti, creare dei fiorellini che serviranno per la decorazione della torta salata.

  6. Spennellare la superficie dei fiori con del latte e decorarli con i semi di sesamo, senape e papavero.

    Cuocere la torta salata primavera a 200°C per 30-40 minuti.

I miei consigli e i miei link

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se ti interessa leggere tutto sul LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Vuoi scoprire altre RICETTE CON IL LIEVITO MADRE, clicca QUI.

Vuoi leggere ricette di TORTE SALATE? Allora clicca QUI.

Se sei interessato invece a ricette di FOCACCE clicca QUI.

Se invece vuoi leggere altre ricette di PANE E LIEVITATI, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.